Kimchi: il piatto coreano che contrasta la calvizie

Kimchi: il piatto coreano che contrasta la calvizie

di Ivana Tramontano

Il kimchi è un piatto tradizionale coreano, fatto di verdure fermentate con spezie. È noto per aiutare a mantenere un intestino sano, ma ora gli scienziati hanno scoperto che il kimchi potrebbe essere usato per combattere la perdita di capelli.

Il kimchi viene realizzato con verdure fermentate con spezie (peperoncino in polvere, scalogno, aglio e zenzero) e frutti di mare salati. Ne esistono centinaia di varietà, ciascuna con una verdura diversa come ingrediente principale, anche se di solito vengono usati il cavolo napa e i ravanelli coreani.

Noto per le sue proprietà probiotiche, adesso una nuova ricerca mostra che consumare kimchi aiuta ad ispessire i capelli e farne crescere di nuovi in ​​poche settimane. I ricercatori della Dankook University vicino a Seoul hanno studiato 23 uomini, alcuni nelle prime fasi della caduta dei capelli e altri visibilmente semi calvi.

Gli è stato detto di consumare un kimchi prima di colazione e prima di andare a letto. Dopo un mese, il numero medio di capelli era passato da circa 85 per centimetro quadro di cuoio capelluto a 90, e poi 92 dopo quattro mesi di consumo della celebre pietanza tradizionale coreana. Gli scienziati hanno affermato che si è trattato di un aumento significativo che sembrava aver invertito la caduta dei capelli nella maggior parte degli uomini.

In un rapporto sui risultati, pubblicato sul World Journal of Men’s Health, i ricercatori hanno dichiarato: “I farmaci attuali possono avere effetti negativi, quindi il loro uso è di solito temporaneo. Abbiamo scoperto che il kimchi potrebbe favorire la crescita dei capelli e invertire la calvizie. È una strategia di trattamento più sicura per i pazienti”. Adesso non resta che capire come sfruttare questa scoperta da parte degli studiosi.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post