La carne rossa tassata come il tabacco: la proposta degli scienziati

La carne rossa tassata come il tabacco: la proposta degli scienziati

L’obesità sta diventando un problema comune e pericoloso nel mondo occidentale e gli esperti stanno invitando a demonizzare il cibo spazzatura al pari delle sigarette.

Un importante rapporto chiede oggi a tutti i governi di unirsi contro il “Big Food” allo stesso modo in cui viene condannato il tabacco. La Lancet Commission on Obesity, compilata da 43 accademici di 14 paesi, accusa i politici di “decenni di inerzia”. Sostengono che esiste un “conflitto fondamentale e inconciliabile” tra gran parte dell’industria alimentare e la salute della nazione.

Gli esperti hanno ora chiesto un trattato globale per limitare l’influenza politica del Big Food, sul modello dell’accordo ONU firmato sul tabacco 15 anni fa, affiché siano imposte tasse sulla carne rossa e altri cibi malsani. Secondo gli esperti la crisi sanitaria è urgente, con un miliardo di persone che soffrono di malnutrizione a livello mondiale e due miliardi che mangiano troppo. Nella sola Gran Bretagna, i due terzi degli adulti sono ora in sovrappeso, con conseguente aumento dei tassi di malattie cardiache, diabete e cancro.

Il professor William Dietz della George Washington University negli Stati Uniti ha dichiarato al Daily Mail: “Tra 50 anni, se non saremo in grado di ridurlo, avremo questo incredibile flagello dell’obesità e della denutrizione e il pianeta sarà al collasso. Sebbene il cibo differisca chiaramente dal tabacco perché è una necessità per sostenere la vita umana, le somiglianze con il tabacco risiedono nel danno che inducono e nei comportamenti delle società che traggono profitto da esse “.

Il professor Boyd Swinburn, dell’Università di Auckland, ha aggiunto: “Fino ad ora, la denutrizione e l’obesità sono state viste come poli opposti di troppe poche o troppe calorie. In realtà, sono entrambi guidati dagli stessi sistemi alimentari malsani e iniqui, sostenuti dalla stessa economia politica che è incentrata sulla crescita economica e ignora i risultati negativi sulla salute e sull’equità”.

E gli scienziati hanno accusato i produttori alimentari di cercare di “ostacolare” la prevenzione dell’obesità con sofisticate campagne di lobbismo.Il rapporto di 61 pagine afferma che le strategie comprendono “minare e contestare le prove scientifiche” e “inquadrare la nutrizione come una questione di responsabilità individuale”.

Le società di bibite spendono 38 milioni di sterline l’anno cercando di contrastare gli sforzi per ridurre il consumo di bevande gassate, hanno detto gli studiosi.

Il rapporto richiede nuove tasse sugli alimenti malsani – in particolare carne rossa – e utilizzare il denaro generato per promuovere le diete e l’esercizio fisico”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post