La scienza sfata un mito: il latte non aumenta il catarro

La scienza sfata un mito: il latte non aumenta il catarro

I medici affermano che i genitori spesso dicono di non dare latte ai loro figli perché aumentano la produzione di muco, peggiorando la tosse o le infezioni polmonari. Ma gli scienziati hanno rivelato che il racconto delle nonne non è vero, che i bambini dovrebbero ricevere latte perché il calcio è vitale per la salute delle loro ossa.

Il mito apparentemente proveniva da un capo spirituale del 1204 e fu ripetuto per centinaia di anni senza prove scientifiche. Invece, le persone possono semplicemente pensare che il latte faccia in modo che il corpo produca più muco a causa del modo in cui si mescola alla saliva e diventa appiccicoso in bocca. I ricercatori dicono che è importante che i genitori non siano scoraggiati a dare latte ai propri figli perché è una fonte di energia importante e un buon modo per ottenere vitamine e minerali.

Il dott. Ian Balfour-Lynn, del Royal Brompton Hospital di Londra, ha dichiarato: “Al nostro dipartimento è stato ripetutamente detto dai genitori che il consumo di latte aumenta la produzione di muco dai polmoni e quindi impedisce al loro bambino di bere il latte”. Questo è particolarmente vero nei pazienti con condizioni associate all’eccesso di muco. Ad esempio, la fibrosi cistica e la discinesia ciliare primaria, ma anche i bambini con respiro sibilante o asma infantile.

“In effetti, molte persone credono che il latte dovrebbe essere evitato con qualsiasi malattia respiratoria, anche con un raffreddore comune”. Il mito che il latte potrebbe generare muco in eccesso mentre la zuppa di pollo potrebbe sbarazzarsi di esso è stato avviato nel 1204 da Mosè Maimonide, un leader spirituale ebraico e medico di corte, che lo ha menzionato quando ha scritto a un parente sull’asma.

Il guru della salute dei bambini, il dott. Benjamin Spock, potrebbe quindi aver ripetuto questa voce nel suo best seller “Common Sense Book of Baby and Child Care”, libro che ha venduto oltre 50 milioni di copie quando l’autore è morto nel 1998. Dal 1948 la ricerca scientifica aveva iniziato a dimostrare che il mito non era vero ma continuò a diffondersi comunque.

Una teoria non provata era che una proteina derivata dalla rottura di certi tipi di latte innescava il gene che aumenta la secrezione di muco. Il dott. Balfour-Lynn ha affermato che tutto ciò si verifica nell’intestino e può interessare solo le vie respiratorie se l’integrità dell’intestino è indebolita dall’infezione e ha permesso alle proteine ​​del latte di spostarsi altrove nel corpo. Il latte è un’emulsione e la saliva contiene composti che la rendono più appiccicosa e interagiscono rapidamente con l’emulsione per renderla più densa. “Questo potrebbe spiegare perché così tante persone pensano che ci siano più mucose prodotte quando in realtà sono gli aggregati dell’emulsione di latte che indugiano in bocca e nella gola.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post