Il sale è il nemico ‘nascosto’ del cuore

Il sale è il nemico ‘nascosto’ del cuore

Il sale può essere difficile da evitare quando mangi in giro o opti per pasti pronti per una cena veloce, ma quanto è grave per te, davvero? Il minerale è vitale per il funzionamento dei nervi e dei muscoli del corpo, ma troppo può causare l’ipertensione e aumentare il rischio di malattie cardiache mortali.

L’ NHS raccomanda agli adulti di consumare non più di 6 g di sale al giorno, ma molte persone potrebbero mangiarne di più senza esserne consapevoli perché nascoste in così tanti cibi. E c’è un motivo: aggiunge rapidamente sapore anche al più blando degli alimenti, ma il tuo corpo può abituarsi e richiedere quantità sempre maggiori per godersi il cibo.

Se il tuo cibo diventa insipido anche quando sai che c’è molto sale in esso, potresti mangiare troppo. Ma se non mangi abbastanza potresti finire per sentirti malato o stordito o avere crampi muscolari. Il dietista May Simpkin scrive per Healthista di dare un’occhiata ai pro e contro del consumo di sale e spiega come decidere quanto si può mangiare:

Se chiedi ai francesi, loro potrebbero dirti che un pizzico di sale fa risaltare il sapore di un piatto. Quindi quanto è troppo?  Molti alimenti trasformati e piatti pronti sono notoriamente ricchi di sale e mentre molti pretendono di essere “deliziosi” e “saporiti”, il più delle volte, questo dipende dall’alto contenuto di sale del pasto, piuttosto che dalla qualità e quantità di ingredienti aromatizzati.

Quando cucini da zero, è facile controllare quanto sale aggiungi al tuo cibo. Ma quando opti per pasti pronti regolarmente, non solo perdi questo controllo, ma aggiusti anche il tuo palato ad aspettarti un alto sapore di sale. C’è anche un sacco di sale nascosto negli alimenti che non ti aspetteresti, per esempio pane e cereali per la colazione. Ci vogliono circa 10 giorni per regolare le papille gustative, quindi non passerà molto tempo prima di goderti i tuoi pasti con una quantità più moderata di sale.

I consigli dell’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomandano prudentemente meno di 2g di sodio come misura preventiva contro le malattie cardiovascolari.  Inoltre, l’American Heart Association raccomanda ancora meno; 1,5 g di sodio al giorno per chi è a rischio di malattie cardiache. Questa ricerca ha rilevato che non solo non vi era alcun legame diretto tra l’assunzione di sodio e le condizioni cardiache come attacchi cardiaci e ictus, ma è stata osservata anche un’associazione inversamente correlata – cioè, nessun aumento di ictus e diminuzione degli eventi cardiovascolari.

Lo studio conclude che “non vi è alcuna prova convincente che le persone con assunzione di sodio moderata o media debbano ridurre il loro apporto di sodio per la prevenzione delle malattie cardiache e dell’ictus”. Anche se questo può essere una notizia incoraggiante, è importante avere una chiara comprensione di cosa si intenda in realtà con l’assunzione di sale “moderato” o “medio”.

Inoltre, come l’assunzione di sale differisce dall’assunzione di sodio. Il sale viene aggiunto a molti alimenti, tra cui pane, torte e biscotti, per esaltarne il sapore e alcuni alimenti possono contenere quantità molto elevate di sale. Per confondere il consumatore, a volte i produttori utilizzeranno il sodio sull’etichetta invece del sale. Molti sapranno che il nome chimico del sale è cloruro di sodio e come tale contiene sia sodio che cloruro. Solo circa il 40 percento del peso di sale contiene sodio, quindi dovrai moltiplicare questa quantità per 2,5 per stabilire il contenuto di sale effettivo. Quindi 2,4 mg di sodio equivalgono a circa un cucchiaino o 6 g di sale al giorno.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post