La vitamina D riduce il rischio di cancro

La vitamina D riduce il rischio di cancro

Livelli più elevati di vitamina D riducono significativamente il rischio di tumore del colon- retto . La vitamina, che si trova nel pesce grasso e nei raggi solari, è stata trovata per rafforzare la resistenza ai tumori allo stomaco bloccando un passaggio comune attraverso il quale passano le cellule tumorali e si rivela più protettiva nelle donne.

Lo studio, guidato dalla Harvard TH Chan School of Public Health, conferma una teoria a lungo sospettata che, fino ad ora, non era stata dimostrata. Ha anche suggerito che la quantità ideale di vitamina D che dovremmo puntare potrebbe essere più alta di quanto suggeriscano le attuali linee guida. Questo studio è un altro promemoria per dare priorità al carico di vitamina D, poiché circa tre quarti degli americani e un quinto degli inglesi sono carenti, ma mentre la vitamina è difficile da trovare nei cibi naturali, gli esperti avvertono di esaminare gli integratori che potrebbero non essere stati testati rigorosamente.

“In passato, sostanziali differenze tra le ricerche hanno reso difficile l’integrazione dei dati sulla vitamina D”, ha spiegato al ‘Daily Mail’ Regina G. Ziegler, PhD, epidemiologa dell’istituto nazionale per il cancro e co-autrice dello studio. “Questo approccio di calibrazione ci ha permesso di esplorare sistematicamente il rischio sull’ampia gamma di livelli di vitamina D osservati a livello internazionale.”

In precedenza, gli studi erano inconcludenti sui benefici della lotta contro il cancro di concentrazioni più elevate di 25-idrossivitamina D circolante, la misura accettata dello stato di vitamina D. Ci sono stati solo una manciata di studi clinici randomizzati sugli integratori di vitamina D e sul cancro del colon-retto – nessuno dei quali ha trovato una connessione. Gli autori del nuovo studio dicono che potrebbe essere perché gli studi erano troppo piccoli, gli integratori non sono stati presi in considerazione abbastanza a lungo, o i soggetti non si sono pienamente conformati, perché ora hanno la prova più chiara che c’è un collegamento concreto.

Per trovarlo, i ricercatori hanno condotto un’analisi di oltre 5.700 casi di tumore del colon-retto. Quelli con una carenza di vitamina D avevano un rischio maggiore del 31 per cento di cancro del colon-retto durante il follow-up cinque anni più tardi. La forte salute delle ossa, che è influenzata dai livelli di vitamina D, è stata anche associata a un rischio inferiore del 22%.

Il cancro del colon-retto è il terzo tumore più comune e la terza causa di decessi correlati al cancro negli uomini e nelle donne negli Stati Uniti, con circa 140.250 nuovi casi e 50.630 decessi attesi nel 2018. “Attualmente, le agenzie sanitarie non raccomandano la vitamina D per la prevenzione del cancro del colon-retto”, ha dichiarato Marji L. McCullough, SCD, epidemiologa della American Cancer Society e co-autrice dello studio. “Questo studio aggiunge nuove informazioni che le agenzie possono utilizzare quando esaminano le prove per la guida della vitamina D e suggerisce che le concentrazioni raccomandate per la salute delle ossa potrebbero essere inferiori a quelle ottimali per la prevenzione del cancro del colon-retto”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post