Patatine e cibi trasformati: aumenta il rischio di infarto e ictus

Patatine e cibi trasformati: aumenta il rischio di infarto e ictus

di Ivana Tramontano

Mangiare cibi altamente lavorati potrebbe aumentare il rischio di infarto o ictus. Le persone che mangiano molti alimenti “ultra-elaborati”, compresi alcuni piatti pronti, cereali zuccherini e bevande gassate, hanno più probabilità di soffrire di malattie cardiovascolari.

Consumare più di quattro porzioni al giorno potrebbe aumentare il rischio di morte prematura di quasi due terzi. Gli alimenti ultra-elaborati sono solitamente venduti come “pronti da mangiare” e non possono essere fabbricati in una normale cucina, in quanto sono confezionati con sostanze industriali come conservanti e dolcificanti. Costituiscono metà di tutto il cibo acquistato nel Regno Unito.

Uno studio francese ha rilevato che un aumento del 10% nella proporzione di alimenti ultra-elaborati all’interno della dieta ha aumentato il rischio di problemi cardiovascolari, come infarto o ictus, del 12%.

Una ricerca spagnola separata mostra che le persone che mangiavano più di quattro porzioni al giorno di alimenti ultra-elaborati avevano una probabilità di morire del 62% più alta. Gli esperti ritengono che i cibi ultra-elaborati possano rendere le persone più affamate, aumentando il rischio di obesità, che è legato a problemi cardiaci e morte prematura.

I pasti pronti per l’industria tendono ad essere ricchi di sale e grassi saturi, ma vi è anche una crescente evidenza che alcune delle sostanze chimiche che contengono potrebbero essere dannose per il corpo e indurire le arterie.

Il consiglio dietetico è relativamente semplice: mangia meno cibi ultra-elaborati e più alimenti non trasformati o minimamente lavorati. I cibi ultra-elaborati, che contengono pochi alimenti interi e hanno poca somiglianza con i pasti cucinati in casa, sono stati precedentemente associati a pressione alta, depressione e cancro.

Lo studio francese, condotto dall’Istituto nazionale francese per la salute e la ricerca medica e l’Università di Parigi, ha esaminato 105.519 adulti che hanno compilato una media di cinque questionari sulle loro diete nei giorni feriali e nei fine settimana. Queste persone sono state esaminate per un decennio, ogni 10 percento di aumento della percentuale di alimenti ultra-elaborati che hanno mangiato era legato a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari del 12 percento, un aumento del 13 percento del rischio di malattia coronarica e un rischio dell’11 percento più elevato di problemi di afflusso di sangue al cervello.

Snack salati, bevande gassate e cibi zuccherati erano più legati alle malattie cardiovascolari. Oltre alla mancanza di nutrienti, i cibi trasformati e il loro imballaggio contengono alcuni prodotti chimici che si ritiene abbiano effetti sulla salute. Ma alcuni esperti dicono che è difficile evitare gli alimenti trasformati e non tutti comportano lo stesso rischio.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post