Polli del marchio AIA falciati con la motozappa, cosa sta succedendo?

Un’indagine del 2020 aveva evidenziato dei trattamenti illegali ed agghiaccianti verso questi animali. Ad oggi invece è emersa la multa fatta al fornitore dopo aver falciato con una motozappa dei polli malati AIA. Scopriamo insieme a quanto ammonta.

multa polli falciati motozappa aia fornitore
Allevamento intensivo di polli (Canva)

LE RICETTE PIU’ BUONE DI OGGI:

  1. Torta alle mele, la versione super light senza grassi e poche calorie. Da provare!
  2. Insalata di mare, la ricetta che porta a tavola il profumo autentico dell’estate
  3. Calamari ripieni al profumo di limone, un secondo piatto da leccarsi i baffi! Pronto in pochi minuti

Le condizioni in cui riversano gli animali negli allevamenti intensivi non è una notizia dell’ultimo minuto che può creare uno scalpore immenso.

Tutto ciò è già noto da tempo: gli esseri in questione vengono nutriti con mangimi iperproteici per velocizzarne la crescita, stipati in capannoni che possono contenere 30.000 esemplari, anche 20 per metro quadro e gli viene impedita la possibilità di visitare l’aria aperta.

I polli sono una delle specie più colpite sotto questo punto di vista data l’ampissima richiesta della loro carne che c’è sul mercato.

Ma la crudeltà umana non termina qui: qualche tempo fa è stato scoperto un fornitore di AIA falciare con la motozappa alcuni polli malati. A distanza di tempo è stata emessa la multa che esso dovrà pagare. Piccolo spoiler: è veramente minima per l’atto compiuto.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Polli del marchio AIA falciati con la motozappa, cosa sta succedendo?

L’uomo era stato assunto nel 2020 da un’azienda piemontese di allevamenti intensivi di polli: la scena che si era ritrovato davanti era quella classica ovvero animali imbottiti di antibiotici, chiusi in capannoni in sovraffollamento e che possedevano problemi anche a camminare.

Poi i maltrattamenti: i polli venivano calciati per essere caricati dentro i furgoni o venivano falciati con la motozappa se troppo malati e impossibilitati ad essere carne da macello.

Non possedevano migliore sorte nemmeno i pulcini che se scartati dalla selezione venivano lanciati da altezze considerevoli provocando la rottura di arti o il decesso degli stessi.

maltrattamenti animali allevamenti
Pulcini (Canva)

Fortunatamente, l’associazione Essere Animali è intervenuta sugli accadimenti: tramite un investigatore con la telecamera nascosta è riuscita a smascherare gli abusi protratti.

La multa per l’individuo

Ad oggi è stata resa nota la multa imposta all’individuo in questione: è molto bassa se si pensa che tale persona gettava animali ancora vivi ma scartati dall’azienda nelle fosse comuni dove risiedevano i cadaveri.

La somma che esso dovrà pagare sarà di 3000 euro: il team di Essere Animali non si ritiene soddisfatto ovviamente dell’accaduto.

sentenza giudice maltrattamento animali
La sentenza del giudice (Canva)

Molti passi avanti bisognerà ancora fare per tutelare i diritti degli animali: essere in un macello non equivale ad essere in un campo di concentramento.