Pomodori, come vengono coltivati: la dura vita dei braccianti

Ciò che portiamo in tavola è solo l’atto finale di un lungo processo di lavorazione. In diversi casi però, come ad esempio quello dei pomodori, non sempre vengono rispettati i diritti dei lavoratori e dei braccianti. Scopriamo insieme come vengono coltivati questi ortaggi.

pomodori come vengono coltivali, la dura vita dei braccianti
La dura vita dei braccianti (Canva)

LE RICETTE PIU’ BUONE DI OGGI:

  1. Torta alle mele, la versione super light senza grassi e poche calorie. Da provare!
  2. Insalata di mare, la ricetta che porta a tavola il profumo autentico dell’estate
  3. Calamari ripieni al profumo di limone, un secondo piatto da leccarsi i baffi! Pronto in pochi minuti

Mentre felicemente portiamo in tavola alcuni alimenti alla base del nostro menù quotidiano, a pochi kilometri da noi diverse persone si ritrovano al limite dello sfruttamento lavorando nei campi.

I braccianti che coltivano agrumi e pomodori in particolare svolgono le loro mansioni sotto un sole cocente, la loro paga equivale a una miseria per i compiti che svolgono e molto spesso si ritrovano nel grande contenitore del caporalato.

La stragrande maggioranza di essi è di origine straniera, i quali devono fare i conti con il loro sostentamento di vita ed accettano qualsivoglia lavoro per vivere.

Andiamo dunque a scoprire come vengono coltivati i pomodori e la durissima vita dei braccianti nei campi dell’agricoltura.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Pomodori, ecco come vengono coltivati: la dura vita dei braccianti

Terminate le ore di lavoro, il rientro nella loro dimora è tutt’altro che accogliente. Sono infatti circa 10.000 i migranti che vivono in abitazioni fatiscenti, roulotte o baracche dove manca perfino l’acqua o l’elettricità.

A darci un’immagine di tutto ciò è la prima indagine svolta dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali insieme all’Associazione Nazionale dei Comuni: essa prende il nome di “Le condizioni abitative dei migranti che lavorano nel settore agroalimentare“.

coltivatori vita agricoltori
Il lavoro in questione (Quangpraha da Pixabay)

L’indagine ha evidenziato che il 78,8% dei braccianti vive in case private mentre la restante parte abita in strutture alloggiative temporanee attivate da soggetti pubblici o privati.

La dura vita nelle baraccopoli che favorisce il caporalato

Ogni giorno queste persone hanno di fronte a loro numerosi ostacoli. Il primo a manifestarsi è il mancato trasporto pubblico nelle loro vicinanze.

Per tale motivo sono costretti a percorrere kilometri e kilometri a piedi o in bici per raggiungere la prima fermata del bus o del treno disponibile.

Spesso mancano servizi essenziali come l’acqua e la corrente elettrica. Gli interventi sociosanitari e, più in generale, tutti quelli finalizzati a favorire l’integrazione dei migranti, risultano praticamente assenti.

abitazioni fatiscenti migranti
Abitazioni fatiscenti (Canva)

Chi vive in tali luoghi non ha a disposizione assistenza sociale né quella dei sindacati. Tutti questi fattori non fanno altro che aumentare la forza del caporalato.

La dignità ed i diritti sul posto di lavoro dovrebbero essere una delle prime cose tutelate altrimenti andrebbe a cadere quel contratto immaginario stipulato tra cittadino e stato.