Pressione bassa: sintomi, cause e rimedi

Pressione bassa: sintomi, cause e rimedi

Si parla di pressione bassa, o ipotensione, quando i valori della pressione arteriosa massima è al di sotto dei 90 mmHg (millimetri di mercurio) e la minima dei 60 mmHg. Il problema può essere cronico, quando alcune persone hanno fisiologicamente una pressione più bassa della norma. Oppure acuta, quando il calo di pressione avviene all’improvviso e può portare allo svenimento o allo shock.

Sintomi

Chi soffre di pressione bassa cronica non ha disturbi particolari, se non quando fa caldo, con sintomi del tipo: mal di testa, nausea, stanchezza muscolare. Quando il calo di pressione è improvviso e inatteso sopravvengono altri problemi come la cute pallida e fredda, l’annebbiamento della vista e lo svenimento. Per verificare la presenza di un’ipotensione è sufficiente misurare la pressione arteriosa con uno sfigmomanometro e tenerla sotto controllo per più giorni.

Cause

In certi casi la pressione bassa cronica è un vantaggio perché protegge da malattie cardiovascolari. Ma bisogna prestare attenzione alle temperature alte, perché il calore favorisce la dilatazione dei vasi sanguigni, abbassando la pressione. Altre volte la pressione bassa può essere anche il segnale di alcune malattie, come l’amiloidosi, il diabete mellito non ben controllato o malattie intestinal.

Un calo improvviso di pressione si può verificare quando si sta a lungo in piedi o ci si alza di scatto: in questi casi si parla di ipotensione ortostatica. Più raramente all’origine dell’ipotensione possono esservi anche reazioni allergiche, anemie, disfunzioni tiroidee, disfunzioni cardiache, come aritmie, marcata tachicardia o infarto.

Consigli utili

Soprattutto nella stagione calda è utile bere molta acqua ed evitare di restare disidratati. Aggiungere un po’ più di sale agli alimenti, evitare alcolici, evitare di esporsi al sole nelle ore di punta (dalle 12 alle 16). Passare lentamente dalla posizione sdraiata a quella eretta. Se utilizzate farmaci antipertensivi sarebbe meglio dosare meglio i medicinali durante l’estate, facendovi consigliare dal vostro medico di fiducia. Quando ci si rende conto che la pressione sta calando sdraiarsi e tenere le gambe più sollevate rispetto all’altezza della testa.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post