Ragù napoletano della domenica: il ‘trucco’ per un gusto perfetto e quanto deve cuocere

0
35
Ragù napoletano
Ragù napoletano della domenica, il trucco per farlo perfetto

Ragù napoletano della domenica: il procedimento e il ‘trucco’ per un gusto davvero perfetto, ecco come si prepara e quanto deve cuocere questo piatto della tradizione partenopea.

Ragù napoletano segreti cottura
Ragù napoletano della domenica: il segreto per un gusto perfetto e quanto tempo deve cuocere

Il ragù è un sugo di pomodoro a base di carne, tipico della tradizione culinaria napoletana. Si tratta di un perfetto condimento per il primo piatto della domenica, quando la famiglia si riunisce per una giornata all’insegna delle risate, della compagnia e soprattutto del buon cibo. A Napoli il ragù è davvero un ‘must’ della domenica. Ma sapete come si prepara al meglio questa pietanza e soprattutto quanto tempo deve cuocere? La risposta vi lascerà davvero a bocca aperta.

Ragù napoletano della domenica: il ‘trucco’ per un sapore perfetto e quanto tempo deve cuocere

Il ragù napoletano è senza dubbio il piatto perfetto per il pranzo della domenica. Per prepararlo, però, bisogna armarsi di tanta pazienza, perché i tempi sono piuttosto lunghi. Il risultato finale, infatti, sarà un sugo di pomodoro dalla forte densità e dal sapore favoloso! Sapete qual è il trucco per avere un ragù davvero perfetto nella consistenza e nel gusto? Basta prepararlo il giorno prima rispetto a quando volete servirlo in tavola. Il fatto di tenerlo a ‘riposo’ per una notte, infatti, permetterà alla carne e al sugo di amalgamarsi al meglio, in modo che tutti i sapori vengano sprigionati all’ennesima potenza. Un altro trucco per il ragù perfetto è farlo cuocere lentamente, a fiamma bassa, per tante ore. Per preparare questo piatto vi servirà:

  • 1 cipolla
  • 3-4 salsicce
  • 500 g di muscolo di manzo
  • 2 tracchie di maiale
  • passata di pomodoro
  • vino rosso
  • sale
  • olio

Per prima cosa tagliate la cipolla sottile e fatela appassire in una pentola con l’olio. Poi aggiungeteci la carne e fatela rosolare su tutti i lati, prima di aggiungerci il vino rosso. Dopo che questo è sfumato, potete versare nella pentola la passata di pomodoro. La fiamma inizialmente deve essere alta, ma dopo che il sugo è giunto ad ebollizione, potrete abbassarla, coprire la pentola quasi del tutto e lasciare ‘pippiare’, come si dice a Napoli, il vostro sugo per circa 5-6 ore, girandolo di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. Il giorno dopo accendete di nuovo la fiamma sotto il vostro ragù, tenendola bassa, e poi condite la pasta. Tutti i vostri ospiti si leccheranno i baffi!