Segreti per non ingrassare quando mangiamo fuori casa

Segreti per non ingrassare quando mangiamo fuori casa

Mangiare fuori casa può essere una rovina per chi è a dieta. Basti pensare che un gustoso panino con hamburger e patatine fritte può avere oltre 1.000 calorie, motivo per cui potrebbe essere utile che molti ristoranti aggiungano ai loro menù le calorie di ogni piatto. Viceversa, meglio conoscere alcuni trucchi da sfruttare quando si mangia fuori così da non fare un pieno di calorie che potrebbe annientare giorni di dieta.

A volte è facile lasciare che un singolo elemento sano ti convinca che l’intero piatto sia sano. Non è detto che solo perché qualcosa contiene frutta o verdura – come pasta con broccoli o la cheesecake con le fragole – sia una scelta salutare.  Non lasciate che ingredienti “sani” facciano sorvolare sul fatto che il resto di un piatto è pieno di grassi o zuccheri.

La parola “croccante” potrebbe anche riferirsi a verdure fresche. Ma spesso, “croccante” è usato per rendere il pollo fritto, le patate e gli anelli di cipolla più attraenti.  Per le opzioni più sane, è meglio se un piatto viene cotto alla griglia, al forno, al vapore o alla griglia.

Anche questa è una regola generale che ha delle eccezioni. Ma per la maggior parte, un piatto “cremoso” è fatto con crema o burro. Salse cremose su pasta e carne, purè di patate cremose e zuppe cremose tipicamente apportano le calorie e il grasso.

In alcuni ristoranti, potrebbe essere scioccante sapere esattamente quante porzioni sono sul piatto, poiché i ristoranti mirano a giustificare il prezzo di una voce di menu dando ai clienti una quantità abbondante. Familiarizza con l’aspetto di una porzione di carne, pasta, riso o formaggio, e tieni a mente queste misurazioni quando ti siedi al tavolo. Invece di mangiare il tutto, è più facile separare una singola porzione e inscatolare il resto per un secondo momento.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post