Torta con le pesche sciroppate, facilissima, ottima per merenda o dessert

Semplicissima da realizzare, la torta con le pesche sciroppate è un dolce morbido che di solito incontra facilmente il gusto dei più. Si prepara in poche mosse e ha tutta la delicata dolcezza di questa buona conserva di frutta.

torta pesche sciroppate ricetta
Torta con le pesche sciroppate (foto di manyakotic da AdobeStock)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

  1. Colazione alternativa? Se amate il porridge non potete farvi scappare questi cereali 2.0. Superlativi
  2. I cornetti di Ernst Knam, il segreti del pastry chef per delle biosche morbide
  3. Metti il bicarbonato tutta la notte nell’armadio: il trucchetto favoloso che in pochi sapevano

La torta con le pesche sciroppate, dal sapore perciò dolcemente fruttato, è buonissima da mangiare a merenda accompagnata da un tè o come dessert arricchita di una pallina di gelato.

È un dolce semplicissimo che si prepara molto velocemente e piace sempre molto con la sua dolcezza decisa e intensa.

Le pesche sciroppate, facilmente reperibili in commercio già pronte, sono rese ancor più dolci e conservate da uno sciroppo di acqua e zucchero. Quelle che vengono generalmente scelte sono le pesche percoche, che hanno una polpa gialla, corposa e con una profumazione gradevole.

Oltre che consumate semplicemente da sole, le pesche sciroppate sono usate spesso per arricchire dolci in genere, gelati, macedonie o come in questo caso per essere protagoniste di una torta.

Questa torta è molto basilare, ha una classica base morbida, è senza burro ma con olio di semi per la ricerca di una maggior leggerezza e si può rendere senza lattosio usando il latte vegetale al posto del latte animale.

Scopriamo allora nel dettaglio esattamente tutto quello che occorre e quali sono i semplici passaggi da fare per realizzarla.

Ingredienti e preparazione della torta con le pesche sciroppate

Se si vuole impreziosire ulteriormente questa torta e renderla ancora più dolce un ingrediente che è un classico abbinamento da aggiungere alle pesche sciroppate sono certamente gli amaretti. Per le dosi di questa ricetta basterà sbriciolarne circa 10 da aggiungere al composto.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

torta pesche sciroppate ricetta
Pesche sciroppate (foto di denio109 da AdobeStock)

INGREDIENTI (per uno stampo da 24 cm)

  • 250 g di pesche sciroppate
  • 250 g di farina 00
  • 50 g di fecola di patate
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 3 uova intere
  • 80 g di zucchero semolato
  • 80 ml di olio di semi
  • 150 ml di latte
  • Scorza grattugiata di 1 limone
  • 1 pizzico di sale

PREPARAZIONE (40 minuti circa)

Per cominciare la prima cosa da fare è separare i tuorli dagli albumi. Poi montare questi ultimi a neve ben ferma con le fruste elettriche aggiungendo un pizzico di sale.

A parte lavorare i tuorli con lo zucchero, sempre con le fruste elettriche fino ad ottenere un composto chiaro, gonfio e spumoso.

In una ciotola setacciare la farina insieme alla fecola e al lievito e miscelarli tra loro. Dopo, unire il composto di tuorli, mescolare e aggiungere poco alla volta l’olio e il latte sempre mescolando con una frusta a mano.

In ultimo incorporare gli albumi montati molto delicatamente, usando una spatola e facendo un movimento dal basso verso l’alto per non smontarli.

A questo punto ungere di olio e infarinare leggermente uno stampo preferibilmente a cerniera da 24 cm di diametro, versare il composto e livellare.

Quindi sgocciolare le pesche dal loro sciroppo e adagiarle formando un motivo decorativo a fiore. Come ultimo passaggio non resta che infornare in forno preriscaldato statico e cuocere a 180° per 30 minuti circa.

Per accertarsi che la torta sia pronta fare la prova stecchino e cioè inserirne uno e se uscirà asciutto vuol dire che la cottura è terminata.

torta pesche sciroppate ricetta
Preparare l’impasto (Foto da AdobeStock)

Dopo averla sfornata lasciare che la torta si intiepidisca prima di mangiarla. La conservazione non è molto lunga perché le pesche hanno una rapida deperibilità quindi bisogna consumarla presto, ma si mantiene bene in frigorifero al massimo per 2 giorni.

Gestione cookie