Un succo di arancia al giorno: rischio ictus ridotto del 24%

Un succo di arancia al giorno: rischio ictus ridotto del 24%

Bere un bicchiere di succo d’arancia ogni giorno può ridurre il rischio di ictus del 24%.

I volontari che hanno bevuto un succo di frutta al giorno hanno visto il rischio di una riduzione di coagulo del cervello del 24%. I ricercatori dei Paesi Bassi affermano che non solo il succo d’arancia ha questo vantaggio, ma anche altri succhi di frutta sembrano ridurre il rischio.

I succhi di frutta freschi sono stati a lungo considerati sani. Ma i consumatori negli ultimi anni sono stati frenati dagli avvertimenti sul loro alto contenuto di zucchero. Di conseguenza, le vendite sono diminuite costantemente. Ma l’ultimo studio suggerisce che i benefici per la salute in termini di prevenzione dell’ictus potrebbero superare i rischi derivanti dal contenuto di zucchero.

La ricerca prospettica europea su cancro e nutrizione è uno studio di lunga durata che indaga l’influenza della dieta su una vasta gamma di malattie. Gli scienziati dell’Istituto nazionale olandese per la salute pubblica e l’ambiente, a Bilthoven, hanno monitorato quasi 35.000 uomini e donne di età compresa tra i 20 e i 70 anni per quasi 15 anni.

Hanno esaminato il consumo di succhi di frutta auto-segnalati rispetto al numero di ictus in quel periodo. I loro risultati, pubblicati sul British Journal of Nutrition, hanno mostrato che da quattro a otto bicchieri a settimana di arancia o di qualsiasi altro succo di frutta riduce del 24% il rischio di ictus. Ma per ora il consumo di frutta intera dovrebbe essere preferito perché l’evidenza dei benefici per la salute è più decisiva.

Anche un bicchiere a giorni alterni ha avuto benefici significativi – abbassando il rischio del 20%. Anche i tassi di malattie cardiache sono stati ridotti del 12-13%. Si pensa che il succo contenga molte delle sostanze vegetali presenti in natura nella frutta intera che possono proteggere i vasi sanguigni dalle malattie. Gli ictus uccidono circa 200 persone ogni giorno nel Regno Unito. Molti altri sono rimasti disabili e vivono nella paura che un secondo o terzo attacco possa ucciderli.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post