Una pianta amazzonica potrebbe combattere il cancro al fegato

Una pianta amazzonica potrebbe combattere il cancro al fegato

Una pianta amazzonica ha un potenziale “tremendo” nel trattamento del cancro del fegato, secondo gli scienziati dell’Università del Paese Basco. L’estratto botanico della foglia indigena Vismia baccifera uccide i tumori del fegato in laboratorio, secondo uno studio spagnolo. V.baccifera innesca le cellule cancerose in “suicidio” senza danneggiare il tessuto sano, che causa gran parte degli estenuanti effetti collaterali della chemioterapia.

Le cellule di cancro del fegato umano sono state trattate con un estratto di foglia di V. baccifera in laboratorio. L’autore dello studio, la dott.ssa Jenifer Trepiana, ha dichiarato: “In questo momento, c’è un enorme interesse nell’identificare composti derivati ​​da piante che potrebbero essere usati come agenti chemioterapici con la capacità di prevenire la crescita dei tumori o per trattare le metastasi”.

La pianta è stata prelevata dalla foresta amazzonica di Florencia, in Colombia. “Le popolazioni indigene la usano per le sue proprietà antinfiammatorie o per i disturbi del tratto urinario o per le malattie della pelle, ma l’abbiamo scelta perché negli studi precedenti avevamo visto che è quella con la più grande capacità antitumorale nelle cellule di cancro al fegato che abbiamo usato”, ha detto la dott.ssa Trepiana.

La pianta amazzonica produce sostanze, come il perossido di idrogeno, che impedisce a queste cellule cancerogene di dividersi e danneggia il loro DNA. “La cosa ideale sarebbe portare avanti la ricerca e passare agli studi in vivo usando modelli animali, per passare alle pietre miliari fino a quando non può essere usato come terapia contro il cancro. Anche se siamo ben consapevoli che sarà una strada molto lunga”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post