10 minuti di esercizi aiutano la mente a non dimenticare

10 minuti di esercizi aiutano la mente a non dimenticare

Solo 10 minuti di esercizio al giorno potrebbero aiutare il tuo cervello a organizzare meglio i tuoi ricordi. Nel tempo, le connessioni tra le parti del cervello si indeboliscono, rendendo più difficile distinguere tra eventi simili nella vostra mente. Quando hai perso le chiavi, ad esempio, può diventare sempre più difficile decifrare se stamattina o la scorsa settimana le hai lasciate in tasca. Tuttavia, la nuova ricerca presso l’University of California ha rivelato che anche gli esercizi leggeri come lo yoga possono avere un impatto trasformativo da parte del cervello responsabile per la conservazione e l’organizzazione di ricordi.

Sebbene sia noto da tempo che l’esercizio fisico fa bene al cervello, questo studio mostra i benefici immediati. Il piccolo studio ha coinvolto 36 adulti sani.  Nella prima parte dello studio sono stati prescritti a ciascuno 10 minuti di esercizio, dopodiché sarebbero stati monitorati con scansioni MRI. Nella seconda parte, hanno ripetuto il test ma senza esercizio.  Secondo lo studio, pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences, è stato riscontrato un netto miglioramento nelle connessioni nelle regioni che controllano l’elaborazione dettagliata della memoria, il giro dentato dell’ippocampo e le aree corticali.

A sua volta, questo aumento della connettività li ha resi più propensi a ricordare certe cose del giorno prima.  “L’ippocampo è fondamentale per la creazione di nuovi ricordi; è una delle prime regioni del cervello a deteriorarsi con l’invecchiamento e molto più gravemente nella malattia di Alzheimer “, ha detto il co-leader del progetto Michael Yassa, professore dell’UCI. “Migliorare la funzione dell’ippocampo è molto promettente per migliorare la memoria nelle impostazioni quotidiane.”

In precedenza, non era chiaro che l’esercizio fisico potesse influenzare il cervello così rapidamente. Sapevamo che l’esercizio stimolava la produzione di nuove cellule cerebrali, ma ci vuole tempo. Secondo il dott. Yassa, direttore del Centro per la neurobiologia dell’apprendimento e della memoria dell’UCI,questo studio non smentisce ciò che già sapevamo: “Non escludiamo la possibilità che nascano nuove cellule, ma è un processo che richiede un po’ più di tempo per essere spiegato. Ciò che abbiamo osservato è che questi periodi di esercizio di 10 minuti hanno mostrato risultati immediatamente successivi”.

Successivamente, il dott. Yassa e i suoi colleghi intendono esaminare gli anziani che sono a maggior rischio di compromissione mentale legata all’età con interventi a lungo termine per determinare quali esercizii e quanto regolare deve essere per avere un impatto più forte sul cervello.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post