Vino bianco, rosso o birra qual è il migliore per la salute? Lo dice la scienza

Sapere qual è il migliore per la salute tra vino bianco, vino rosso e birra è molto importante: l’analisi di un interessantissimo studio.

Vino birra migliore salute scienza
Calci (Foto Foto di Andrea Piacquadio da Pexels)

Il consumo di alcol aumenta di anno in anno: tralasciando i drink che i giovani amano alla follia, tra le bevande più consumate ci sono sicuramente anche il vino rosso, il vino bianco e la birra.

La birra, ad esempio, è ottenuta dalla fermentazione del mosto a base di malto d’orzo, aromatizzata ovviamente con il luppolo. Secondo la storia, la prima testimonianza chimica risale intorno al 3500 avanti Cristo.

Il vino, invece, è ottenuto dalla fermentazione dell’uva o del mosto. In commercio esistono tantissime qualità, ma tipicamente si distingue in quello rosso, in quello bianco e in quello rosato.

Queste bevande accompagnano con frequenza le cene degli italiani. Sapere il loro impatto sulla salute è piuttosto importante: lo studio fatto da un’Università Americana è importantissimo sotto questo punto di vista.

Vino rosso, vino bianco e birra: qual è il migliore per la salute

Uno studio dell’ Iowa State University ha messo in risalto gli effetti sulla salute legati al consumo di birra, di vino rosso e di vino bianco.

Vino birra migliore salute scienza
Calice di birra (Foto di Alexas Foto)

Tra vino e birra, i ricercatori hanno comunque sottolineato che la bevanda nata dall’uva rappresenta la soluzione migliore per chi ama fare aperitivi o per chi ama qualcosa che serva per accompagnare i propri pasti.

La birra e i super alcolici hanno come conseguenza livelli alti di grasso viscerale (la parte differente dal tessuto adiposo sottocutaneo, è in pratica la parte del tessuto adiposo collocata tra gli organi interni). Il grasso viscerale, stando al parere dei medici, aumenta il rischio di sviluppare malattie cardiache o altre complicazioni.

Lo studio dei ricercatori americani, condotto su 1900 adulti tra i 40 e gli 80 anni, hanno notato che al consumo di vino non ci sarebbero livelli alti di grasso viscerale associati invece al consumo di birra.

Come se tutto ciò non bastasse, anche la composizione corporea cambierebbe radicalmente: al consumo di birra si associa anche un rapporto vita-fianchi nettamente più elevato.

Il vino rosso è ricco di polifenoli, antiossidanti molto potenti che ridurrebbero il danno ossidativo dell’organismo mentre il vino bianco rinforzerebbe le ossa.

Fatte queste premesse, anche con il vino non bisogna assolutamente esagerare. Aumenta ad esempio il rischio dell’insorgenza di alcune patologie come la cirrosi epatica, la demenza senile, l’ansia, la depressione, la pancreatite.

Un bicchiere di vino calorie
Un bicchiere di vino bianco contiene circa 70 calorie (Foto di Photo Mix da Pixabay)

L’Università di Iowa non ha quindi capito decisamente il rapporto che c’è tra il consumo di alcol e salute, ma ha capito che ad un consumo di birra si associa un rischio maggiore di sviluppare problematiche all’organismo.