30g di fibre al giorno contro ictus, diabete e tumori

30g di fibre al giorno contro ictus, diabete e tumori

Una ciotola di cereali (ricchi di fibre) a colazione può aiutarti a regolarizzare l’intestino, ma secondo una nuova ricerca si rivela molto utile per prevenire malattie cardiache, alcuni tipi di cancro e diabete.

Uno studio commissionato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato la settimana scorsa, ha dimostrato che le persone che mangiano molti cibi ricchi di fibre e integrali hanno un rischio molto più basso di sviluppare malattie cardiache, ictus, diabete e altre malattie croniche. Per ogni 8 g di fibre al giorno – l’ammontare di due banane o un panino con insalata di pollo – i ricercatori hanno scoperto che il numero totale di decessi e incidenza di malattie cardiache, diabete di tipo 2 e cancro intestinale è diminuito fino al 27% . C’era anche protezione contro l’ictus e il cancro al seno.

Gli autori dello studio, pubblicato su The Lancet, ritengono che dovremmo mangiare tutti 30 g di fibre al giorno, ma il 91 per cento di noi non consuma in nessun una quantità simile. “Le persone sono diventate molto concentrate nel ridurre lo zucchero e il sale, e l’importanza di avere una fibra adeguata nella dieta sembra essere stata trascurata – ma è probabilmente altrettanto importante, se non di più, per una buona salute”, dice la professoressa Nita Forouhi, del’Università di Cambridge.

La fibra è la parte indigesta degli alimenti vegetali, che si trova nelle verdure, frutta, cereali e fagioli. Le fonti più ricche comprendono pane e cereali integrali, frutta e verdura come bacche, pere, arance, broccoli e mais dolce. Accelera il transito intestinale, proteggendo contro la stitichezza e il cancro del colon. La fibra nell’avena, nel frattempo, può ridurre il colesterolo, riducendo il rischio di malattie cardiache e ictus.

La fibra aiuta a farci sentire più piena più a lungo ed è quindi indicata per dimagrire. La fibra è anche usata come fonte di cibo dai batteri amici nell’intestino. “Consumano fibre e producono sottoprodotti chiamati metaboliti, che fungono da messaggeri per organi come cuore e cervello e hanno effetti benefici”, afferma la dott.ssa Megan Rossi, dietista e portavoce dell’Associazione dietetica britannica. Questo potrebbe spiegare il legame tra diete ad alto contenuto di fibre come la dieta mediterranea e tassi più bassi di malattie cardiache e alcune condizioni di salute mentale. Questi metaboliti aiutano anche il sistema immunitario, che svolge un ruolo cruciale nello sviluppo dei tumori. “Circa il 70% delle cellule immunitarie del corpo risiedono nell’intestino e sono influenzate e interagiscono con i batteri nell’intestino, che prospera su una dieta ricca di fibre”.

Si pensa anche che gli acidi grassi a catena corta, prodotti dai batteri intestinali delle fibre, riducano il rischio di malattie infiammatorie, malattie cardiache, diabete di tipo 2 e ictus. Nel 2015, il comitato consultivo scientifico sulla nutrizione ha raccomandato agli adulti di mirare a mangiare 30 g di fibre al giorno. In media, le donne consumano 17 g al giorno rispetto ai 21 g degli uomini. Un problema è che la maggior parte dei delle persone mangia ancora carboidrati bianchi lavorati, come riso, pasta e pane bianco, che contiene meno della metà della fibra di pane integrale. Una cattiva abitudine che si dovrebbe correggere quanto prima.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post