Il melograno contro i sintomi delle malattie infiammatorie croniche intestinali

Il melograno contro i sintomi delle malattie infiammatorie croniche intestinali

Gli scienziati credono che il melograno possa combattere i sintomi delle malattie infiammatorie croniche intestinali, come la malattia di Crohn e la rettocolite ulcerosa. Si calcola che in Italia circa 200.000 persone siano oggi affette da queste patologie.

Si è scoperto che i polifenoli naturali del melograno interagiscono con i batteri dell’intestino per produrre un composto con effetti anti-infiammatori. I ricercatori, presso l’Università di Louisville nel Kentucky, hanno affermato che la loro scoperta evidenzia l’importanza della salute intestinale per proteggersi dalle IBD, il termine generico per la colite di Crohn e ulcerosa. Circa 1,6 milioni di persone negli Stati Uniti e 261.000 nel Regno Unito hanno una malattia infiammatoria dell’intestino.

I ricercatori hanno scoperto che un metabolita chiamato urolithin A (UroA) è prodotto come risultato di polifenoli nei batteri della frutta e dell’intestino con cui interagiscono. I polifenoli sono presenti nei melograni e in altri frutti di bosco come fragole, more e lamponi. È specificamente acido ellagico che interagisce con un ceppo di batteri nell’intestino, rilasciando UroA nel processo.

Ciò ha benefici anti-infiammatori, anti-ossidativi e anti-invecchiamento, hanno detto i ricercatori guidati dal dott. Venkatakrishna Rao Jala. Ciò avrebbe effetti positivi sull’infiammazione a lungo termine nello stomaco, nell’esofago e nell’intestino delle persone con IBD. Nei test sugli animali, il team ha mostrato come UroA e UAS03 aumentano le proteine ​​che rafforzano le giunzioni delle cellule epiteliali nell’intestino.

Il Dr Rajbir Singh, il primo autore dello studio, ha dichiarato: “La convinzione generale finora sul campo è che le urolitine [come UroA e UAS03] esercitano effetti benefici attraverso le loro proprietà anti-infiammatorie e anti-ossidanti. Abbiamo scoperto per la prima volta che la loro modalità di funzionamento comprende anche la riparazione della disfunzione della barriera intestinale e il mantenimento dell’integrità della barriera.”

Le variazioni nei livelli di UroA variano da un individuo all’altro, poiché i nostri batteri intestinali sono diversi. A volte potrebbe non essere affatto presente, hanno detto i ricercatori. Pertanto, l’integrazione di UroA potrebbe superare questo e offrire benefici per la salute. Il dott. Jala ha detto: “I microbi nel nostro intestino si sono evoluti per generare benefici metaboliti microbici nelle vicinanze della barriera intestinale. Tuttavia, ciò richiede che proteggiamo e ospitiamo il microbiota intestinale appropriato e consumiamo una dieta sana. Gli alimenti come il melograno avrebbero quindi un effetto positivo.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post