L’acqua in bottiglia scade? Cosa bisogna sapere e come leggere l’etichetta

L’acqua in bottiglia scade! Ecco tutto ciò che bisogna sapere e come leggere l’etichetta. 

acqua in bottiglia scade
Acqua in bottiglie di plastica (Foto di Denys Vitali da Pixabay)

Tutti noi siamo abituati ad acquistare acqua minerale in bottiglia. Quello che la maggior parte delle persone non sanno è che l’acqua ha un data di scadenza.

Leggere l’etichetta è molto importante. Con essa veniamo a conoscenza non solo delle sostanze e delle proprietà dell’acqua ma anche della data entro cui sarebbe bene consumarla.

Secondo la data che leggiamo, che generalmente varia da 1 a 3 anni dall’imbottigliamento, l’acqua minerale scade ma in realtà non è proprio così.

Vediamo insieme perché l’acqua in bottiglia scade e cosa bisogna sapere per non intercorrere in spiacevoli inconvenienti.

L’acqua minerale in bottiglia scade? Ecco ciò che bisogna sapere

L’acqua in bottiglia scade? In realtà, nonostante sia possibile vedere la scritta sulla bottiglia “da consumarsi preferibilmente entro”, non è proprio così!

scadenza acqua in bottiglia plastica vetro
Bottiglie d’acqua (Foto di Hans Braxmeier da Pixabay)

Quella che in verità scade, non è l’acqua bensì la bottiglia. Il fatto che essa sia racchiusa in un materiale esposto ad alcuni rischi, fa si che bisogna consumare l’acqua entro un determinato periodo di tempo.

Questo avviene perché la plastica può iniziare a rilasciare sostanze chimiche cambiando la composizione dell’acqua rappresentando così un rischio per i consumatori.

In particolar modo, dopo alcuni studi, è stato riscontrato che, dopo alcuni anni dall’imbottigliamento, l’acqua viene contaminata dalle sostanze rilasciate dalla plastica come il bisfenolo A, l’antimonio, il Polietilene teraftalato e l’acetaldeide.

Quest’ultima sostanza è una conseguenza dell’esposizione a umidità e calore della plastica e si può addirittura assaporare perché rende l’acqua più dolciastra. È il primo segnale di alterazione del PET.

Se ingerite regolarmente, queste sostanze possono risultare dannose per la salute. Tendono ad accumularsi lentamente nel corpo per poi andare ad intaccare l’intestino e la funzione respiratoria.

Come conservare le bottiglie d’acqua per evitare la contaminazione

Per far si che il vetro e il Pet non contaminano l’acqua bisogna avere un’accurata attenzione nella conservazione delle bottiglie. In primis, è bene mantenere le bottiglie in luoghi asciutti e freschi.

Tenerle lontano da fonti di luce e calore è la scelta più giusta visto che sono sensibili ai raggi UV e all’alta temperatura. Infine è bene sapere che l’acqua in bottiglia va consumata al massimo entro due giorni dall’apertura.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Metodo infallibile per idratarsi. Non solo acqua: cosa devi mangiare

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @haccpsystemgroup

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Dal 14 gennaio stop alla plastica monouso: multe salatissime per chi trasgredisce

Se volete essere più sicuri ed evitare così qualsiasi dubbio o perplessità, avete una soluzione a portata di mano: l’acqua del rubinetto.