Acqua e limone al mattino? Non fa solo dimagrire

Acqua e limone al mattino? Non fa solo dimagrire

Acqua calda e limone sembra essere diventata una moda o procedura senza la quale ogni programma dimagrante e disintossicante non abbia effetto.

Ma è la verità o una semplice leggenda del web?

Questa semplice bevanda, bevuta al mattino 30 minuti prima di fare colazione, aiuta la digestione, depura il fegato  e aiuta la regolarità intestinale, sia in caso di stitichezza che di diarrea. Quindi non può che far bene alla salute. L’unica controindicazione è di non esagerare con la dose di limone, in quanto l’acido del succo di limone rischia di compromettere lo smalto dei denti.

Se vi scocciate di preparare l’acqua calda dovete sapere che il limone  è un autentico toccasana anche usato da solo. Ogni mattina basta bere il succo di un limone spremuto per sentirsi più svegli e dinamici, per ottenere benefici sulla salute della pelle, grazie all’effetto disintossicante.

In più stimola il metabolismo, aiutandovi a bruciare calorie più facilmente e risolve il problema dell’alitosi. Aiuta a regolare il pH dell’organismo specialmente in caso di acidosi e funge da diuretico: il succo di limone aiuta ad eliminare le sostanze di rifiuto in parte perché questo frutto stimola la produzione di urina.

Ha notevoli proprietà antinfiammatorie: l’acido ascorbico (la vitamina C) contenuto nei limoni promuove la guarigione delle ferite. La vitamina C è uno dei nutrienti fondamentali per mantenersi in buona salute e per guarire da lesioni o ferite, ma anche riprendersi da situazioni di stress. È quindi consigliato in caso di influenze, malattie infettive, anemia, nausea, reumatismo, bronchiti, digestioni difficili, insufficienza epatica, diabete, come rimedio per la gotta, ipertiroidismo e calcoli renali.

Ma come si prepara?

Procuratevi acqua calda e 1/3 di limone proveniente da agricoltura biologica. Iniziate a spremere il succo di circa 1 terzo di limone di media grandezza all’interno di una caraffa (o teiera) contenente 25 cl di acqua calda e di berla prima che si raffreddi, ma senza correre troppo, degustando l’acqua calda e limone come fosse un tè.

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post