Alimenti consigliati per combattere l’ipertensione

Alimenti consigliati per combattere l’ipertensione

di Ivana Tramontano

L’ipertensione colpisce circa un terzo degli adulti occidentali e, se non trattata, può aumentare il rischio di problemi di salute anche gravi. Uno studio ha rivelato che un certo tipo di cibo può aiutare a ridurre la pressione sanguigna.

Secondo una revisione degli studi registrati sulla rivista Hypertension, mangiare cibi ricchi di probiotici ha un effetto modesto sull’ipertensione. Le persone coinvolte nello studio di otto settimane consumavano regolarmente i cosiddetti “batteri amici” trovati nei batteri probiotici e vedevano un impatto positivo sulla loro pressione sanguigna.

L’ipertensione persistente aumenta il rischio di condizioni di salute potenzialmente letali, come: infarti, malattie arteriose, aneurismi, malattie renali e demenza vascolare. Per aiutare a mantenere bassa la pressione sanguigna, lo studio suggerisce di mangiare cibi ricchi di probiotici. Gli alimenti ricchi di probiotici includono: yogurt, tempeh, kimchi, crauti.

Tempeh è un popolare sostituto della carne ad alto contenuto proteico che ha un sapore ricco di noci e terroso simile ai funghi. Il prodotto di soia fermentato deve essere cotto a vapore, bollito o fritto per almeno 20 minuti.

Di solito è meglio marinare il tempeh in quanto assorbe il sapore di qualsiasi cosa tu cucini con esso. E può avere un ottimo sapore aggiunto a uno stufato di verdure.

Kimchi è un famoso piatto coreano, meglio conosciuto come cavolo sottaceto. Ogni sottaceto di kimchi è prodotto dalla fermentazione lattica in salamoia. Sebbene il kimchi possa essere gustato come contorno, è comunemente tagliato a fette e aggiunto a zuppe e punti caldi.

I crauti sono l’equivalente tedesco del kimchi coreano. Il cavolo affettato finemente è sottoposto alla fermentazione dell’acido lattico che provoca la creazione di probiotici. Questo accompagnamento ai pasti (adatto alle carni) è meglio consumarlo crudo per ottenere i maggiori benefici per la salute.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post