Allarme cinghiali in Italia: 10mila incidenti stradali all’anno

Allarme cinghiali in Italia: 10mila incidenti stradali all’anno

di Ivana Tramontano

Il cinghiale è un animale dalle carni prelibate, ma in Italia sta diventando un problema diffuso: infatti questi animali selvatici provocano diecimila incidenti stradali all’anno.

11 i morti nel 2018, nei primi nove mesi del 2019 13 persone morte in incidenti stradali causati da cinghiali. E’ quanto emerge da una stima di Coldiretti su dati Regioni e Osservatorio Asaps in occasione del blitz davanti a Montecitorio di migliaia di agricoltori, allevatori, cittadini, sindaci e ambientalisti contro l’invasione dei cinghiali e degli animali selvatici ormai arrivati fin dentro le città.

Una vera e propria emergenza nazionale che mette a rischio la sicurezza e la salute degli automobilisti e che – secondo l’indagine Coldiretti/Ixè – porta 3 italiani su 4 (72,7%) a considerare un pericolo per la circolazione la presenza di animali selvatici e di cinghiali, che possono arrivare a un quintale e mezzo di peso e 150 centimetri di lunghezza. Sulle strade provinciali e comunali non ci sono quasi mai reti di protezione contro i selvatici, mentre in autostrada non sempre le protezioni sono efficaci. Una delle 13 vittime del 2019 è stata causata sulla A1 da un branco di cinghiali arrivato sulla carreggiata scavando un cunicolo sotto la rete divisoria fra l’asfalto e la campagna circostante. Migliaia di incidenti in tutta Italia che fanno registrare danni per milioni di euro fra costi per riparazioni meccaniche e di carrozzeria alle auto e spese sanitarie per le persone rimaste ferite e contuse.

Nel 2018 un incidente grave su 5 provocato dai selvatici è avvenuto di notte – spiega Coldiretti – ma sono le ore dell’alba e quelle del crepuscolo le più a rischio, con i branchi di cinghiali che si muovono razziando cibo nelle periferie urbane o distruggendo campi e colture, riuscendo a percorrere fino a 40 chilometri alla volta. “Il problema – sottolinea la Coldiretti – è che non sempre i cinghiali rimangono sul luogo dell’incidente, visto che l’animale anche ferito si rifugia nella boscaglia o nei prati, oppure succede che lo schianto contro un albero, un cippo chilometrico o lo sbandamento e l’uscita di strada si verificano proprio per evitare l’impatto con l’animale che scappa senza lasciare tracce. All’automobilista, sempre che non debba essere portato in ospedale, non rimane che chiamare il carroattrezzi e rassegnarsi a pagare i danni senza neppure poter denunciare l’accaduto considerata la mancanza di prove.”

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post