Allarme integratori proteici: possono causare depressione e obesità

Allarme integratori proteici: possono causare depressione e obesità

di Ivana Tramontano

Bere frullati proteici può fare più male che bene, portando ad un aumento di peso, cambiamenti di umore e persino abbreviare l’aspettativa di vita.

I ricercatori dell’Università di Sydney hanno scoperto che gli stessi aminoacidi contenuti nei frullati proteici che incoraggiano la massa muscolare sono dannosi per la salute generale. L’industria della salute e del benessere è in piena espansione, ma spesso la ricerca richiede un po’ di tempo per approfondire e spesso smentisce i benefici delle ultime mode di dieta e fitness.

Gli scienziati scoprono che consumare le medesime proteine ​​contribuisce a una salute generale più povera. L’industria degli integratori proteici ha raccolto 14 miliardi di dollari in tutto il mondo nel 2018. I frullati di proteine ​​sono commercializzati come ingrediente magico in quasi tutte le palestre. Il mantra di molte diete recenti è stato “alto contenuto di proteine ​​e basso contenuto di carboidrati”.

I carboidrati sono i responsabili di una serie di cambiamenti corporei che sappiamo essere dannosi per la salute generale. Possono contribuire alla conservazione nel corpo di grassi e zuccheri. Il sovra-consumo di proteine ​​in polvere, frullati e integratori può essere pericoloso. Le bevande premiscelate o le polveri si basano su proteine ​​chiamate aminoacidi a catena ramificata (BCAA). I BCAA non vanno direttamente ai muscoli.

Quando i BCAA sono alti nel sangue possono rubare il posto del triptofano nel cervello, interrompendo la produzione di serotonina con ripercussioni sull’umore. Quando i ricercatori hanno sovraccaricato i topi da laboratorio con BCAA, gli animali si sono rimpinzati e sono diventati obesi. Quei topi obesi hanno avuto anche una vita più breve, non sorprendentemente.

Mentre i BCAAS sono efficaci nel costruire muscoli e parti importanti della nutrizione, gli scienziati insistono sul fatto che è meglio assumerli – insieme ad altre proteine, come il triptofano – attraverso diete diverse che contengono pollo, pesce, uova, fagioli, lenticchie, noci e soia. Ciò che questa nuova ricerca ha dimostrato è che l’equilibrio degli aminoacidi è importante, quindi è meglio variare le fonti di proteine ​​per garantire il miglior bilancio aminoacidico.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post