Allergia alle arachidi: l’immunoterapia orale può essere pericolosa

Allergia alle arachidi: l’immunoterapia orale può essere pericolosa

di Ivana Tramontano

Trattare l’allergia alle arachidi infantili aumentando gradualmente la tolleranza può peggiorare la condizione invece che migliorarla.

Gli studi sulla “sfida alimentare” hanno indicato che l’immunoterapia orale, che comporta il progressivo aumento delle dosi di un allergene nel tempo, può essere efficace. Tuttavia, una nuova ricerca della McMaster University solleva dubbi su questo approccio e dimostra che, rispetto all’evitare le arachidi, i tentativi di desensibilizzare i bambini nel “mondo reale” promuovono reazioni allergiche, inclusa l’anafilassi grave e potenzialmente fatale.

Gli scienziati hanno riunito i risultati di 12 studi condotti su oltre 1.000 giovani pazienti con un’età media di nove anni, i cui progressi sono stati seguiti per un anno.

Gli studi hanno confrontato l’efficacia dell’immunoterapia orale e l’elusione utilizzando diversi prodotti e dosi di arachidi. I ricercatori hanno scoperto che l’immunoterapia orale alle arachidi ha triplicato i tassi di anafilassi, da circa il 7,1% al 22,2%. Le reazioni allergiche che hanno portato a vomito, dolore addominale, prurito alla bocca, orticaria, respiro sibilante e asma sono aumentate.

Più di sei milioni di persone sono affette da allergie alimentari in Europa e Nord America, tra cui l’8% dei bambini e il 2-3% degli adulti. Mentre le comuni allergie al latte e all’uovo sono spesso coltivate dai 5 ai 10 anni, l’allergia alle arachidi può essere un problema che dura tutta la vita.

Gli studi di immunoterapia orale misurano il successo del trattamento in base al fatto che un paziente possa superare una sfida alimentare controllata. Tuttavia, questo non può prevedere il rischio futuro di un paziente nel mondo reale.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post