Cancro, infarti, ictus e diabete: come si muore nel mondo

Cancro, infarti, ictus e diabete: come si muore nel mondo

L’Imperial College di Londra ha creato una classifica che analizza le morti causate da condizioni croniche tra cui cancro, malattie cardiache, ictus e diabete. La Corea del Sud è al primo posto per le donne tra i 30 e i 70 anni con il minor numero di decessi, mentre il Regno Unito è al 27° al mondo e il 19° in Europa.

Ma gli Stati Uniti e la Cina sono andati ancora peggio: gli Stati Uniti erano al 53° posto nel mondo per gli uomini e al 44° posto per le donne, mentre la Cina era all’80° per gli uomini e al 76° per le donne. La ricerca è stata condotta congiuntamente dall’Imperial College, dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dall’NCD Alliance, una rete di ONG. Ha confrontato la variazione dei tassi di mortalità per 186 paesi dal 2010 al 2016. Gli autori hanno accusato la morte prematura per povertà, alcol e tabacco e hanno affermato che erano necessari programmi migliori per ridurre la pressione sanguigna.

La ricerca ha mostrato che una donna di 30 anni nel Regno Unito ha una probabilità del 9% di morire delle quattro malattie chiave: cancro, malattie cardiovascolari (che comprendono malattie cardiache e ictus), malattie respiratorie croniche e diabete prima dei 70 anni. Le malattie non trasmissibili uccidono quasi 41 milioni di persone all’anno, costituendo sette morti su dieci a livello globale. 17 milioni di queste morti sono considerate premature.

Nel complesso, le donne in Corea del Sud, Giappone, Spagna e Svizzera hanno meno probabilità di morire prematuramente, così come gli uomini in Islanda, Svizzera, Svezia e Norvegia. Al contrario, gli uomini dell’Asia centrale (Mongolia, Kazakistan) e dell’Europa orientale (Russia, Bielorussia) erano tra i più soggetti a morire presto e le donne nell’Africa subsahariana, in Guyana, in Afghanistan, nello Yemen e in Papua Nuova Guinea.

Il professor Majid Ezzati, che ha guidato lo studio dell’Imperial’s School of Public Health, ha affermato che il trattamento per l’ipertensione e il controllo del fumo e dell’uso di alcol potrebbe prevenire milioni di questi decessi. Ma ha aggiunto che queste malattie croniche devono essere diagnosticate e trattate il prima possibile con un’assistenza sanitaria di alta qualità.

Il suo collega James Bennett ha dichiarato: “È importante che le agenzie umanitarie internazionali e i governi siano tenuti a rendere conto dei loro impegni verso obiettivi globali per la salute. Migliorare la qualità dei dati sulla salute dei paesi ci aiuterà a identificare quali paesi si comportano meglio nel ridurre i decessi per malattie croniche, così come quelli che hanno bisogno di ulteriore aiuto”.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post