Nuova ricerca: nessun legame tra colesterolo alto e infarti

Nuova ricerca: nessun legame tra colesterolo alto e infarti

I medici  hanno scoperto che non ci sarebbero prove di un legame tra alti livelli di colesterolo cattivo e malattie cardiache. E con questa affermazione, alcuni importanti cardiologi affermano che le statine, prese da milioni di inglesi per combattere il colesterolo, non hanno alcun beneficio.

Le loro scoperte, pubblicate nella Revisione degli esperti di farmacologia clinica, suggeriscono che i farmaci non cureranno le malattie cardiache, poiché affermano che livelli elevati di colesterolo cattivo non portano necessariamente a malattie cardiache. I 17 medici di tutto il mondo sembrano aver dissipato la teoria secondo cui esistono legami tra l’avere alti livelli di LDL-C – noto come colesterolo cattivo – e depositi di grasso che ostruiscono le arterie.

Gli esperti si sono scontrati per anni discutendo sia a favore che contro le statine e il loro effetto. Ma mentre concordano sul fatto che sono un salvavita per le persone che hanno già avuto un attacco di cuore, lo studio basato su circa 1,3 milioni di dati dei pazienti indica che potrebbe non essere di alcuna utilità come misura preventiva.

Gli scienziati, provenienti da Regno Unito, Stati Uniti, Irlanda, Italia, Svezia, Francia e Giappone, hanno scritto: “Suggeriamo ai medici di abbandonare l’uso di statine e inibitori di PCSK-9”. Il dottor Aseem Malhotra, un cardiologo non coinvolto nello studio, ha dichiarato a MailOnline: “Dopo aver esaminato la totalità delle prove, a mio avviso le uniche persone a cui dovrebbero essere offerte le statine sono quelle con un rischio accertato di malattie cardiache. Per tutti gli altri, le decine di milioni che prendono il farmaco in tutto il mondo che non rientrano in queste categorie, dovrebbero sapere che le statine non li aiuteranno a vivere un giorno di più”.

Fino a sei milioni di adulti nel Regno Unito assumono statine con lo scopo di abbassare i loro livelli di colesterolo e ridurre il rischio di infarti e ictus. I medici si scontrano sull’uso dei farmaci, alcuni affermando che dovrebbero essere prescritti più ampiamente per prevenire migliaia di morti, mentre altri dicono che sono un abuso inutile.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post