Canederli

PREPARAZIONE: 10 minuti COTTURA: 10 minuti
Canederli: la preparazione

PRESENTAZIONE

I canederli tirolesi sono polpette di pane, speck e formaggio tipiche dell’Alto Adige, che vengono cotte nel brodo. Un piatto che rende diverso e più allegro gustare il brodo, anche quando si preferirebbe mangiare altro. I canederli tirolesi sapranno dare un tocco in più alla vostra cena e vi faranno ricordare i piatti cucinati dalle nostre nonne, racchiudendo l’essenza di una terra meravigliosa come Il Trentino.

Di certo i canederli sono una ricetta antichissima di derivazione contadina, che erano soliti preparare questo piatto utilizzando gli avanzi di pane ormai raffermo, insieme ai prodotti  dell’allevamento: speck e formaggio. Due specialità della gastronomia trentina anche ai giorni nostri.

ThinkstockPhotos-158323552

INGREDIENTI

  • 250 gr di pane
  • Brodo di carne q.b.
  • Un uovo
  • Olio extravergine q.b.
  • 100 ml di latte
  • Sale e pepe q.b.
  • 100 gr di speck
  • Erba cipollina q.b.
  • Una cipolla

PROCEDIMENTO

Tagliate il pane a pezzi piccoli e mettetelo in una ciotola in ammollo con latte, sale, un uovo sbattuto appena appena e un pizzico di pepe. Lasciate a bagno per una decina di minuti, in modo che il pane si inzuppi per bene.

Intanto prendete una cipolla e tritatela a fettine sottilissime, mettetela in una padella antiaderente insieme allo speck e a un cucchiaio di olio. Fate rosolare per alcuni minuti e addizionate al composto di pane, latte e uova. Tritate un po’ di erba cipollina finemente e aggiungete e amalgamate tutti gli ingredienti a mano in modo da avere un composto omogeneo. Se dovesse risultare troppo molliccio potete aggiungere un po’ di farina.

Se volete renderle ancora più ‘speziate’ potete unire anche del formaggio grattugiato, prezzemolo e noce moscata.

Bagnatevi le mani e fate delle polpette un po’ più grandi di una noce e fatele bollire in brodo di carne per una decina di minuti o poco più. La cottura sarà terminata quando i canederli tirolesi saliranno a galla. Buon appetito a tutti e arrivederci alla prossima ricetta su Checucino.it

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post