Chewingum allo xilitolo per prevenire la carie

Chewingum allo xilitolo per prevenire la carie

I chewingum allo xilitolo vengono presentati come degli amici della salute dentale. Ma sarà davvero così? Un nuovo studio norvegese conferma le virtù anti-carie dello xilitolo anche quando questo ‘zucchero del legno’ è consumato in basse dosi e regolarmente.

A condurre la ricerca è stata l’odontoiatra Laura Strohmenger dell’università Statale di Milano a Oslo, in Norvegia, secondo cui lo xilitolo ha permesso “un 30% di prevenzione della carie”. Lo xilitolo si può estrarre dalla corteccia di betulla ed è quindi un prodotto naturale. Può essere prodotto anche da fragole, lampone, prugna e anche dal grano. Il potere dolcificante dello xilitolo è simile a quello del saccarosio, ma contiene il 40% in meno di calorie.

Ma non solo gomme da masticare, perché lo xilitolo viene sempre più impiegato per realizzare dolci. La ricerca ha selezionato un gruppo di adulti ad alto rischio di sviluppare carie in base a una serie di parametri tra cui il carico di batteri cariogeni in bocca. I volontari sono stati suddivisi in 2 gruppi: 64 hanno utilizzato un normale chewing gum senza zucchero e senza xilitolo (gruppo controllo), 66 un chewing gum senza zucchero contenente il 30% di xilitolo, pari a 2,5 g/die (gruppo test).

I reclutati dovevano masticare 5 chewingum al giorno per un anno, mentre nel secondo anno non hanno masticato gomme. La ricercatrice Strohmenger ha evidenziato che “la capacità della placca di generare acidi è diminuita lievemente nel gruppo di controllo, senza raggiungere però variazioni significative – riporta Adnkronos – mentre nel gruppo con xilitolo la diminuzione è stata più marcata, raggiungendo una variazione statisticamente significativa rispetto ai valori di partenza. Inoltre tali effetti si sono mantenuti anche dopo i 12 mesi di masticazione, fino ai 24 del controllo finale”.

Secondo gli autori della ricerca la formazione e progressione della carie, misurata attraverso l’indice internazionale Icdas, “è diminuita del 23% nel gruppo xilitolo rispetto al gruppo controllo. Nel gruppo controllo si sono verificati 120 interventi di otturazione e 27 estrazioni, numeri che scendevano rispettivamente a 82 e 19 nel gruppo xilitolo. Questi dati permettono di affermare che lo xilitolo ha prodotto un 30% di prevenzione della carie nel gruppo che ne ha fatto uso”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post