I cibi più ricchi di fibre

I cibi più ricchi di fibre

Le fibre sono essenziali per il nostro organismo, consentono una regolarità intestinale, riducono il colesterolo e il rischio di problemi cardiovascolari, prevengono alcuni tumori e riducono la pressione arteriosa. Ogni persona dovrebbe assumere una media di 25-30 grammi di fibre al giorno, consumando regolarmente cereali, frutta, verdure e legumi. Vediamo quali sono gli alimenti più ricchi di fibre.

Mung and azuki beans in a bowl and vegetables

I cereali

cereali

La crusca è uno dei cereali più ricchi di fibre, ma chi soffre di celiachia dovrà farne a meno in quanto sono ricchi di glutine. Ricordiamo che esistono però moltissimi prodotti privi di glutine che si possono consumare senza problemi. Ottima anche la scelta di mais, riso, miglio e grano saraceno. Il bulgur è un alimento molto conosciuto in Medio Oriente ed è costituito da frammenti di chicchi di frumento e di grano duro germogliato, precedentemente cotti al vapore ed appositamente lavorati.

 

Gli ortaggi

verdure

Per acquisire la giusta dose di fibre non possiamo fare a meno di inserire regolarmente nella nostra dieta una gran quantità di ortaggi freschi. Al primo posto ci sono le cipolle, ottime per chi ha il colesterolo alto, seguite dai piselli, carciofi, legumi, cavoli e patate. Ma in genere ogni tipo di ortaggio o verdura contiene una buona quantità di fibre.

 

La frutta

frutta-verdura

Un alimento che non deve assolutamente mancare nella dieta di bambini e adulti è la frutta, consumata almeno due o tre volte al giorno. Ottime le mele, che contengono una buona dose di fibre, e possono essere mangiate in ogni momento della giornata. Una buona quantità di fibre è contenuta anche nei kiwi, ricchi di vitamina C, ideali da consumare anche frullati, crostate e macedonie.

Anche la frutta secca pullula di fibre, soprattutto le mandorle e le noci, sebbene vadano consumate con moderazione in quanto hanno molte calorie. Il loro consumo è consigliato anche in caso di stitichezza e nelle diete vegetariane e vegane come fonte alternativa di proteine.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post