Come pulire il lavello. C’è un metodo per rimuovere lo sporco in profondità

Per pulire il lavello, esiste un metodo che vi cambierà la vita: provatelo e non resterete delusi, addio anche allo sporco in profondità.

Come pulire lavandino metodo
Lavello di una cucina (Foto da Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Tra le faccende domestiche più complesse e fastidiose da effettuare, ci sono sicuramente quelle che riguardano la cucina.

Diverse zone di questa importantissima area della casa meritano grande attenzione: i resti di cibo possono ad esempio bloccarsi nelle tubature, le pentole sono sempre sporche, le incrostazioni sul piano cottura si formano praticamente tutti i giorni e le mattonelle formano aloni con facilità disarmante.

Pulire il lavello non è estremamente difficile, ma bisogna sapere che ci sono metodi diversi per le varie tipologie di materiali.

Conoscere quello giusto è un grande punto di partenza: vediamo insieme come fare per non restare delusi dai risultati.

Come pulire il lavello della cucina: il metodo migliore

Prima di lavare il lavello, ricordatevi alcuni punti chiave. Acquistate ad esempio prodotti adatti all’uso in cucina (non tutti lo sono), munitevi di spazzoloni per raggiungere gli angoli più nascosti, non mischiate la candeggina con altri detergenti perché potete ricreare tossine tossiche.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Come pulire lavandino metodo
Fontana del lavandino (Foto da Pixabay)

Se avete un lavandino in acciaio inossidabile, per il lavaggio potete usare sia i prodotti specifici che il sapone per i piatti. Dopo aver terminato, sciacquate con acqua e asciugate con un panno in microfibra.

La microfibra serve per prevenire la formazione di aloni: mettete una goccia di olio di oliva su un panno e vedete che il vostro acciaio brillerà sempre.

In caso di cucine in ceramica, in molti vogliono usare una miscela sgrassante e sbiancante fatta con il percarbonato di sodio, con poca acqua calda e con una goccia di sapone per i piatti.  Questa soluzione è veramente fantastica: prima di strofinare, lasciatelo in posa per una decina di minuti.

Il marmo è piuttosto facile da pulire: usate un po’ di acqua calda e del sapone per i piatti. L’unico suggerimento, è quello di usare un panno in microfibra per asciugare e passare uno in camoscio per lucidare.

Come pulire lavandino metodo
Lavandino di una cucina (Foto da Pixabay)

Ci sono poi altri materiali poco comuni: per chi ha una cucina in rame, non usate assolutamente spugne, acido citrico e acidi vari per non rovinare il tutto. Quello che vi serve è un panno in microfibra con poca acqua e poco detergente per piatti (non usate né aceto né limone). Quando c’è del verderame, per le macchie potete usare un po’ di aceto e sale.