Consumo di carne: la geografia mondiale

Consumo di carne: la geografia mondiale

Molte persone promettono di mangiare meno carne, sia per una questione morale che salutare. Ma stiamo davvero riducendo il consumo di carne nel mondo?

Un terzo dei britannici dichiara di aver smesso di mangiare carne o di aver ridotto il consumo , mentre due terzi degli statunitensi affermano di mangiare meno carne. Questa tendenza è in parte grazie a iniziative come il lunedì senza carne. Allo stesso tempo, numerosi documentari e sostenitori di alto profilo del veganismo hanno evidenziato i potenziali benefici del mangiare meno carne. Quello che sappiamo è che il consumo globale di carne è aumentato a dismisura negli ultimi 50 anni.

La produzione di carne oggi è quasi cinque volte superiore rispetto all’inizio degli anni ’60, da 70 milioni di tonnellate a oltre 330 milioni di tonnellate nel 2017. Una grande ragione per questo è che ci sono molte più persone da sfamare. La popolazione mondiale è più che raddoppiata. All’inizio degli anni ’60 c’erano circa tre miliardi di persone, oggi ci sono più di 7,6 miliardi di persone sul pianeta Terra..

Mentre l’aumento della popolazione fa parte della storia, non si spiega del tutto perché la produzione di carne sia aumentata di cinque volte. Un altro fattore chiave è l’aumento dei redditi. In tutto il mondo, le persone sono diventate più ricche, con il reddito medio globale più che triplicato in mezzo secolo. Quando confrontiamo il consumo tra paesi diversi, vediamo che, in genere, più siamo ricchi più carne mangiamo. Non ci sono più persone al mondo, ci sono più persone che possono permettersi di mangiare carne.

Nel 2013, l’anno più recente disponibile, gli Stati Uniti e l’Australia sono in testa ai tavoli per il consumo annuale di carne. Oltre alla Nuova Zelanda e all’Argentina, entrambi i paesi hanno superato i 100 kg a persona, l’equivalente di circa 50 polli o metà di una mucca ciascuno. In effetti, l’alto consumo di carne può essere visto in tutto l’Occidente, con la maggior parte dei paesi dell’Europa occidentale che consumano tra 80 e 90 kg di carne a persona, come riportato dalla Bbc.

Viceversa, molti dei paesi più poveri del mondo mangiano pochissima carne. Un etiope medio consuma solo 7 kg, un nigeriano 9 kg. Questo è 10 volte inferiore alla media europea. È chiaro che i paesi più ricchi mangiano molta carne e quelli a basso reddito ne mangiano poca. Questo è stato il caso per 50 anni o più. Quindi perché stiamo mangiando collettivamente molta più carne?

La carne nei Paesi emergenti e in Occidente

Questa tendenza è stata in gran parte determinata da una crescente fascia di paesi a medio reddito.Nazioni in rapida crescita come la Cina e il Brasile hanno visto una crescita economica significativa negli ultimi decenni e un forte aumento del consumo di carne. L’India è una notevole eccezione. Mentre i redditi medi sono triplicati dal 1990, il consumo di carne non ha seguito la stessa tendenza. È un equivoco pensare che la maggior parte dell’India sia vegetariana : due terzi degli indiani mangiano almeno un po’ di carne, secondo un sondaggio nazionale. Nondimeno, la quantità di carne consumata in India è rimasta piccola. Con meno di 4 kg a persona, è il più basso del mondo. Ciò potrebbe essere in parte dovuto a fattori culturali per alcuni in India, tra cui non mangiare determinati tipi di carne per motivi religiosi.

Il consumo di carne è in calo in Occidente? Molti in Europa e in Nord America dicono che stanno cercando di ridurre la carne, ma funziona? Non proprio, secondo le statistiche. Dati recenti del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) suggeriscono che il consumo di carne pro capite è in realtà aumentato negli ultimi anni. Mentre possiamo pensare che la carne stia diventando meno popolare, il consumo degli Stati Uniti nel 2018 è stato vicino al suo massimo da decenni. Stesso discorso vale per l’UE. Ma se il consumo occidentale di carne è costante, o leggermente crescente, i tipi di carne mangiata stanno cambiando. Questo significa meno carne rossa – manzo e maiale – e più pollame. Negli Stati Uniti, il pollame rappresenta ora metà del consumo di carne, rispetto a un quarto degli anni ’70. Questo tipo di sostituzione potrebbe essere una buona notizia per la salute e l’ambiente.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post