Cosa succede dopo quattro notti di scarso riposo

Cosa succede dopo quattro notti di scarso riposo

di Ivana Tramontano

Quattro notti di scarso sonno possono cambiare il modo in cui il corpo immagazzina grasso e aumentare il rischio di obesità, secondo un recente studio della Pennsylvania State University.

I ricercatori hanno scoperto che mangiare pasti ricchi dopo la mancanza di sonno ha portato a livelli più alti di insulina nel corpo e una meno rapida eliminazione dei lipidi. Questo grasso viene immagazzinato nel corpo e, a sua volta, porta ad un aumento di peso. Il team di studiosi afferma che i risultati aggiungono ulteriori prove del perché la mancanza di sonno è dannosa e che i medici devono educare i loro pazienti a seguire buone abitudini di sonno.

La National Sleep Foundation raccomanda agli adulti di dormire tra le sette e le nove ore ogni notte. Un sonno insufficiente aumenta il rischio di obesità, diabete, malattie cardiache e persino cancro, ma i ricercatori non sanno molto sui meccanismi sottostanti che causano questo. Per il nuovo studio , pubblicato sul Journal of Lipid Research, hanno reclutato 15 partecipanti maschi sani di oltre 20 anni.

Gli uomini prima hanno trascorso una settimana a dormire 10 ore a notte a casa e poi hanno trascorso dieci notti al Clinical Research Center a Penn State. Per le notti trascorse in laboratorio, agli uomini è stata offerta una cena ricca di grassi e ricca di calorie con peperoncino e pasta. Successivamente, è stato detto loro di non riposare per più di cinque ore per quattro notti consecutive.

I ricercatori hanno prelevato campioni di sangue dagli uomini e hanno scoperto che la privazione del sonno ha portato a livelli elevati di insulina, l’ormone necessario per ottenere il glucosio dal flusso sanguigno nelle cellule. Ciò comporta che il corpo assorbe più rapidamente i grassi dal pasto. Questi grassi o lipidi vengono rapidamente stimolati e ne deriva un aumento di peso. Una prolungata mancanza di riposo potrebbe quindi aumentare il rischio di obesità, diabete o altre malattie metaboliche.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post