Gli errori da evitare nel tagliare la cipolla: così non lacrimerete…

Gli errori da evitare nel tagliare la cipolla: così non lacrimerete più

LA PREPARAZIONE
di Marco

Gli errori da evitare quando si taglia una cipolla: in questo modo non lacrimerete più ad ogni passata del vostro coltello

errori cipolla
Gli errori da evitare quando tagliate una cipolla

Qual è il primo piatto che vi viene in mente quando parliamo di cipolla? Il sugo alla genovese. Ce ne sono dentro almeno 4 o 5, tutte tagliuzzate minuziosamente e diventate, dopo ore di cottura, quasi un tutt’uno con il sugo che si è formato. Una specie di crema irresistibile che sposa perfettamente la pasta: gli ziti in particolare. Ma adesso non viaggiamo troppo con la fantasia altrimenti ci viene subito l’acquolina in bocca. In questo articolo vi vogliamo parlare degli errori da non commettere quando si taglia una cipolla.

Come tagliare una cipolla nel miglior modo possibile: evitiamo gli errori più grossolani e sentiamoci ‘esperti’ per qualche minuto

Evitiamo gli errori nel tagliare la nostra cipolla. Allora, innanzitutto, bisogna munirsi di un bel coltello da cucina. Di quelli lunghi ed affilati, che utilizzano i veri chef. Non costano molto, in genere i prezzi sono accessibili veramente a tutti. Poi, ci vuole un tagliere assolutamente. Va bene anche uno piccolo, di legno, che non si muova troppo mentre sminuzziamo la nostra cipolla. Per tagliarla bene bisogna fare un taglio verticale. Seguire, in effetti, la conformazione degli strati. In questo modo, magari non ci crederete, limiteremo il disperdersi dei liquidi che ci fanno lacrimare senza sosta ogni volta. Beh, se avete sempre fatto al contrario, avete sempre sbagliato. Avete fatto bene, invece, se volevate ottenere un trito di cipolle. Ecco, in quel caso, il taglio dev’essere in orizzontale con il coltello in parallelo al tagliere. Bisogna effettuare prima 5-6 tagli. Anche 4 vanno bene se volete evitare spargimenti di sangue dalle vostre dita. Quindi otterrete dei fiammiferi da dividere ancora una volta col vostro coltello fino a formare i dadini. Bisognerà lavorare, nel taglio finale, con la parte centrale del coltello, facendolo oscillare come fosse un semicerchio. Insomma, un po’ d’attenzione ed anche voi potrete sentirvi dei veri e propri chef quando taglierete la cipolla.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post