I benefici della sauna: rischio d’infarto ridotto negli over 50

I benefici della sauna: rischio d’infarto ridotto negli over 50

Secondo un recente studio frequentare regolarmente una sauna può ridurre il rischio di morte per malattie cardiache nelle persone di mezza età. Secondo i ricercatori, tra quattro e sette sessioni di sauna a settimana forniscono il massimo beneficio per la salute.

Le sessioni nel caldo soffocante sono pensate per imitare gli effetti di un lieve esercizio fisico aumentando la resistenza del cuore. Lo studio finlandese, dove andare alla sauna è molto frequente, ha indagato legami con le malattie cardiovascolari che è una delle principali cause di morte nel mondo occidentale.

I ricercatori hanno tenuto traccia delle abitudini di sauna di 1688 tra uomini e donne over 50 e hanno seguito la loro salute dopo 15 anni. Le persone che hanno frequentato da quattro a sette sessioni di sauna a settimana hanno avuto circa un quarto di possibilità di morte cardiaca in meno rispetto a quelle che sono andate una sola volta. Il professor Jari Laukkanen, dell’Università della Finlandia orientale, ha dichiarato: “Un risultato importante di questa ricerca è che un uso più regolare della sauna è associato a un minor rischio di morte per malattia cardiovascolare nelle donne di mezza età o anziane e negli uomini. Ci sono diverse possibili ragioni. Il nostro gruppo di ricerca ha dimostrato in studi precedenti che l’uso di una sauna elevata è associato a una pressione sanguigna più bassa. Inoltre, è noto per innescare un aumento della frequenza cardiaca uguale a quello visto in esercizio fisico di intensità da bassa a moderata.”

Si ritiene che le saune migliorino la circolazione causando la dilatazione dei vasi sanguigni. Ciò migliora il flusso sanguigno e stimola il cuore. Possono anche ridurre l’indurimento delle arterie che si verificano quando le persone invecchiano e possono portare a coaguli di sangue che causano un ictus. Le saune sono raccomandate anche per le persone con mal di testa cronico e dolore muscolo-scheletrico.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post