Il segreto per vivere più a lungo è a tavola

Il segreto per vivere più a lungo è a tavola

di Ivana Tramontano

La dieta può svolgere un ruolo decisivo nel determinare l’aspettativa di vita di qualcuno, ma qual è la dieta migliore da seguire?

È ampiamente riconosciuto che attenersi a una dieta sana può allontanare i rischi potenzialmente letali, ma qual è la dieta migliore? Secondo una ricerca pubblicata sul Journal of American Heart Association, il consumo di alimenti prevalentemente a base vegetale e un minor numero di alimenti a base animale potrebbero essere collegati a una migliore salute del cuore e ad un minor rischio di morte per infarto, ictus o altre malattie cardiovascolari.

La scoperta è significativa considerando che le malattie cardiovascolari sono una delle principali cause di morte e disabilità, ma spesso possono essere ampiamente prevenute conducendo uno stile di vita sano. Sebbene non sia necessario rinunciare completamente agli alimenti derivati ​​dagli animali, lo studio suggerisce che mangiare una proporzione maggiore di alimenti a base vegetale e una proporzione minore di alimenti a base animale può contribuire a ridurre il rischio di infarto, ictus o altri tipi di malattie cardiovascolari.

I ricercatori hanno esaminato un database di informazioni sull’assunzione di cibo di oltre 10.000 adulti statunitensi di mezza età che sono stati monitorati dal 1987 al 2016 e non avevano malattie cardiovascolari all’inizio dello studio. Hanno quindi classificato i modelli alimentari dei partecipanti in base alla proporzione di alimenti a base vegetale che hanno mangiato rispetto agli alimenti a base animale.

Le persone che hanno mangiato più alimenti a base vegetale nel complesso avevano:

16% in meno di rischio di avere una malattia cardiovascolare come infarti, ictus, insufficienza cardiaca e altre condizioni;
Riduzione del 32% del rischio di morte per malattie cardiovascolari e

25% in meno di rischio di morte per qualsiasi causa rispetto a coloro che hanno mangiato la minima quantità di alimenti a base vegetale.

Per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari le persone dovrebbero mangiare più verdure, noci, cereali integrali, frutta, legumi e meno alimenti a base animale. Questi risultati sono abbastanza coerenti con i risultati precedenti su altri modelli dietetici.

Lo studio, pubblicato sul Journal of American College of Nutrition, ha scoperto che le persone a dieta che diventano vegetariane non solo perdono peso in modo più efficace rispetto a quelle delle diete ipocaloriche convenzionali, ma migliorano anche il loro metabolismo riducendo il grasso muscolare.

Le diete vegetariane si sono dimostrate le diete più efficaci per la perdita di peso. Tuttavia, abbiamo anche dimostrato che una dieta vegetariana è molto più efficace nel ridurre il grasso muscolare, migliorando così il metabolismo. Questa scoperta è importante per le persone che stanno provando a perdere peso, compresi quelli che soffrono di sindrome metabolica e / o diabete di tipo 2. Ma è anche importante per chiunque prenda seriamente la propria gestione del peso corporeo e voglia rimanere magro e sano.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post