Infarti e ictus: cosa mangiare e cosa evitare per prevenire

Infarti e ictus: cosa mangiare e cosa evitare per prevenire

di Ivana Tramontano

Gli infarti colpiscono milioni di persone ogni anno nella sola Europa. Ecco gli errori che si commettono a tavola, cosa evitare e cosa mangiare.

Le morti per attacco di cuore sono aumentate e rappresenta una delle principali cause di morte nel mondo ed è un’emergenza medica molto seria. Quando la fornitura di sangue al cuore viene improvvisamente bloccata, si forma un coagulo che causa attacchi cardiaci. Mangiare un certo gruppo di alimenti mette una persona a più alto rischio di attacchi di cuore. Di cosa si tratta?

Mangiare troppo grassi trans aumenterà notevolmente il rischio di sviluppare un attacco di cuore. Il grasso trans aumenta il rischio di malattia coronarica e livelli elevati di colesterolo nel sangue. Questo può portare a un accumulo di placche nelle arterie e aumenta il rischio di infarti e ictus.

Quando si tratta di mangiare, la quantità che si mangia è spesso più importante di ciò che si sta mangiando. Tieni traccia del numero di porzioni consumate e fai attenzione alle dimensioni delle porzioni per quantità specifiche di cibo.

Carico di verdure e frutta

Ortaggi e frutta sono ottime fonti di vitamine e minerali molto necessari. Verdura e frutta sono a basso contenuto di calorie e ricchi di fibre alimentari. Quando una persona consuma più frutta e verdura è in grado di ridurre i cibi ipercalorici, come carne, latticini e snack. Avere una dieta con più alimenti a base vegetale aiuterà a prevenire le malattie cardiovascolari.

Mangia più cereali integrali

I cereali integrali sono un’eccellente fonte di fibre e altri nutrienti che svolgono un ruolo fondamentale nella regolazione della pressione arteriosa e nel miglioramento della salute del cuore. Molti cereali integrali sono buone fonti di fibre alimentari che aiutano a migliorare il colesterolo nel sangue e aiutano a ridurre il rischio di malattie cardiache, ictus, obesità e persino diabete di tipo 2.

Scegli fonti di proteine ​​a basso contenuto di grassi

Quando si tratta di carne e pesce, prova a consumare i pezzi più magri che puoi. Per i prodotti lattiero-caseari, opta per la gamma a basso contenuto di grassi e l’assunzione di uova. Numerosi studi hanno suggerito che la sostituzione di carni ad alto contenuto di grassi con proteine ​​più salutari come pesce, fagioli, pollame e noci può aiutare a ridurre il colesterolo e la pressione sanguigna, aiutare a mantenere un peso sano e prevenire il rischio di sviluppare un infarto.

Ridurre il sodio

Mangiare troppo sodio può contribuire all’ipertensione, che è un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. Quando una persona mangia troppo sodio nel tempo può aumentare la pressione sanguigna e questo è un importante fattore di rischio per le malattie cardiache. Troppo sodio è anche associato alla ritenzione idrica e mangiare cibi troppo salati porterà all’obesità e a molte altre complicazioni di salute.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post