La dieta per dimagrire dopo i 30 anni

La dieta per dimagrire dopo i 30 anni

Perdere peso dopo la soglia dei 30 anni non richiede molte difficoltà e privazioni. Infatti dopo la trentina l’organismo ha acquistato una certa stabilità, quindi basterà seguire alcuni semplici consigli per perdere quei chili di troppo che affaticano l’organismo e ci fanno sentire già più vecchi.

Il primo segreto sta nella colazione che deve essere piuttosto abbondante così da non subire attacchi di fame durante il giorno. Ad esempio potete optare per 100 ml di latte parzialmente scremato con un cucchiaino di zucchero, 4 fette biscottate integrali e una banana; oppure 2 fette di pane nero, 2 cucchiaini di marmellata light e 1 yogurt bianco.

Un altro suggerimento utile per perdere peso è di diminuire la quantità di carboidrati (pane e pasta). Di tanto in tanto potete scegliere anche di mangiare cibi integrali, ugualmente saporiti ma più salutati oltre che meno calorici. Del resto la farina bianca non è il top per la nostra salute…

A tavola non fate a meno di latte, formaggi e latticini, ma badate bene alle quantità che mangiate: in piccole dosi ogni cibo fa bene, ma se esagerate otterrete l’effetto opposto. Rinunciate il più possibile a cibi troppo grassi, alle fritture e soprattutto alle bevande gassate e zuccherate.

Bevete sempre due litri di acqua al giorno come dose minima, per depurarvi e sgonfiarvi oltre che per ridurre la cellulite. Inoltre cercate di dormire almeno 6 ore e mezza o sette: lo stress e la stanchezza favoriscono l’appetito e vi costringono a mangiare più del dovuto. Un deficit di sonno può inoltre modificare la produzione di ormoni, favorendo la formazione di grassi e l’aumento di peso.

Quando uscite evitate di fare sempre una capatina al fast food: la pizza una volta a settimana è più che sufficiente, se siete a cena fuori non bevete più di un bicchiere di vino o birra. In alternativa, ordinate una cocacola light che vi appaga con poche calorie. Concedetevi al massimo tre bicchieri di alcol alla settimana e considera l’happy hour una cena vera e propria e non solamente un aperitivo.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post