La dieta per dimagrire dopo i 40 anni

La dieta per dimagrire dopo i 40 anni

Superata la soglia dei 40 anni il metabolismo brucia più lentamente le calorie, si pratica solitamente una vita più sedentaria e si mangia qualcosina in più anche per combattere lo stress. In questo modo diventa più facile accumulare chili di troppo, quindi meglio seguire alcune linee guida per mantenersi in forma e non appesantire troppo il nostro organismo, cercando di eliminare qualche cattiva abitudine.

Solitamente non siamo abituati a pesare quello che cuciniamo e poi mangiamo, quindi il consiglio universalmente valido è di cercare di ridurre le proporzioni, mangiando di tutto un po’, ma pur sempre con moderazione. A tavola possiamo mangiare anche ogni giorno formaggi, carboidrati e proteine, ma sempre in dosi moderate.

Un altro consiglio molto utile è di fare attività fisica o quantomeno tenersi in movimento prendendo la sana abitudine di camminare almeno mezz’ora al giorno a passo svelto. L’esercizio fisico quotidiano, infatti, aiuta ad accelerare il metabolismo e quindi a bruciare calorie più facilmente, a rinforzare i muscoli, a ridurre il girovita e a non accumulare grasso superfluo.

E’ molto importante arrivare a tavola a pranzo e a cena non particolarmente affamati, quindi il segreto sta nel fare qualche spuntino a metà mattina e nel pomeriggio, consumando una frutta di stagione, uno yogurt magro o una fettina di pane integrale con un velo di marmellata senza zucchero. Da ridurre drasticamente il consumo di cibi fritti, grassi, alcolici e di bevande gassate.

Esistono alcuni cibi che possono giovare molto al vostro organismo: ad esempio mangiare tre o quattro noci al giorno abbassa i fattori di rischio cardiovascolare e l’incidenza di infarti nelle persone sane. Le noci porterebbero benefici anche nell’abbassare il colesterolo cattivo e regolare la pressione sanguigna e sono consigliate a chi soffre di diabete per tenere sotto controllo effetti e rischi secondari della malattia.

Un altro ottimo alimento alleato della nostra salute è l’avena che facilita l’assorbimento intestinale del colesterolo e degli acidi biliari. Le mandorle migliorano i livelli di zucchero nel sangue e allo stesso tempo riducono il colesterolo mentre il pesce azzurro aiuta a perdere peso e grazie al contenuto di omega 3 fa bene al sistema cardiovascolare.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post