La vitamina A riduce il rischio di cancro alla pelle

La vitamina A riduce il rischio di cancro alla pelle

di Ivana Tramontano

Mangiare un sacco di carote, broccoli e patate dolci può aiutare a prevenire il cancro della pelle. La vitamina A si conferma un nutriente chiave per mantenere la pelle sana.

Mangiare un sacco di questi alimenti non solo aiuterà a garantire che il tuo corpo produca continuamente nuove cellule della pelle, ma può anche proteggersi dagli effetti cancerogeni della luce UV, secondo un nuovo studio della Brown University. È il primo studio sulla vitamina A che segue i soggetti da più di 20 anni e scopre che un elevato apporto di nutrienti è in linea con un rischio di cancro della pelle del 17% più basso.

Ogni giorno perdiamo tra le 30.000 e le 40.000 cellule, il che significa che il corpo è costantemente al lavoro per produrre nuove cellule della pelle per sostituire quelle che perdiamo. La vitamina A svolge un ruolo vitale in questo processo non solo di produzione ma mantenimento delle cellule della pelle, attivando le cellule chiamate fibroblasti che mantengono la pelle soda e sana.

Il precursore della vitamina A, chiamato beta carotene, è un potente antiossidante, che aiuta a ripulire i radicali liberi, che incoraggiano lo sviluppo delle cellule tumorali. Il suo coinvolgimento nella pelle sana è chiaro, ma poche ricerche hanno esaminato gli effetti preventivi della vitamina A (chiamata anche retinolo) per il cancro della pelle, che colpisce tra il 7 e l’11% delle persone di pelle chiara. Se qualcuno è a maggior rischio di cancro della pelle a causa dell’elevata esposizione al sole o di una storia familiare, aumentare l’assunzione di vitamina A potrebbe offrire un cambiamento nello stile di vita relativamente semplice per contrastare tali rischi.

Quindi i ricercatori della Brown University hanno studiato un set di dati di 123.570 uomini e donne statunitensi le cui diete, abitudini e risultati sulla salute sono stati documentati per oltre 26 anni. Gli scienziati hanno scoperto che quasi tutti hanno ricevuto quantità sufficienti di vitamina A nella dieta. Gli studiosi hanno però sottolineato che troppa vitamina A può essere collegata a maggiori rischi di osteoporosi e fratture dell’anca, maggiori preoccupazioni per le persone anziane, che hanno anche maggiori probabilità di contrarre il cancro della pelle. Per tutti gli altri, però, mangiare molte carote, patate dolci, peperoni rossi dolci, spinaci e merluzzo, potrebbe combattere le mutazioni cancerose della pelle

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post