Lenti a contatto: aumentano i casi di grave infezione

Lenti a contatto: aumentano i casi di grave infezione

I portatori di lenti a contatto oggi sono stati sollecitati a prendersi cura dei propri occhi in seguito allo scoppio di una rara infezione che può causare cecità. I ricercatori hanno notato un aumento triplo del numero di casi di cheratite da acanthamoeba dal 2011 nel sud est dell’Inghilterra.

L’infezione prevenibile provoca il danneggiamento e l’infiammazione della superficie anteriore dell’occhio, della cornea e dei portatori di lenti a contatto. L’ameba può penetrare attraverso il bulbo oculare, causando la perdita totale della vista nel giro di poche settimane.

I ricercatori di Moorfields Eye Hospital hanno controllato le cartelle cliniche dal 1986 per analizzare e confrontare i tassi dell’infezione. Tra il 2000 e il 2003 sono stati rilevati da 8 a 10 casi di cheratite da acanthamoeba registrati all’anno in ospedale. Questo è salito da 35 a 65 casi all’anno dal 2011 al 2016, secondo lo studio pubblicato nel British Journal of Ophthalmology.

Gli esperti, compreso un gruppo dell’università universitaria di Londra, hanno poi stimato la prevalenza della cheratite da acanthamoeba nel sud est dell’Inghilterra.

Il professor John Dart, capo ricercatore, ha affermato che nel 2002 c’erano circa 2,5 casi ogni 100.000 portatori di lenti a contatto. Tuttavia, ha aggiunto che il tasso attuale è da due a tre volte superiore.  I pazienti più gravemente colpiti rimangono con meno del 25% della loro vista o diventano ciechi dopo l’infezione. Il professor Dart ha dichiarato: “Questo aumento dei casi evidenzia la necessità per gli utenti delle lenti a contatto di essere consapevoli dei rischi”. Acanthamoeba, che si nutre di batteri, può essere presente in tutte le forme di acqua, come piscine, vasche idromassaggio e persino docce.

Fare la doccia, nuotare e usare le vasche idromassaggio mentre si indossavano le lenti a contatto era anche un fattore di rischio. Il professor Dart ha dichiarato: “Le persone che indossano lenti a contatto riutilizzabili devono assicurarsi di lavarsi e asciugarsi accuratamente le mani prima di maneggiare le lenti a contatto, ed evitare di indossarle mentre si nuota, si lavano il viso o si fa il bagno. Le lenti giornaliere monouso, che eliminano la necessità di casi o soluzioni di lenti a contatto, possono essere più sicure e stiamo attualmente analizzando i nostri dati per stabilire i fattori di rischio per questi”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post