Una passeggiata può salvarci dall’ictus

Una passeggiata può salvarci dall’ictus

Una passeggiata giornaliera potrebbe dimezzare il rischio di un ictus grave per gli anziani, secondo uno studio che ha inoltre scoperto che le vittime di ictus, che avevano fatto regolarmente passeggiate di 35 minuti prima di essere colpite, avevano il doppio delle probabilità di subire attacchi più blandi rispetto a quelli che non ne avevano.

L’autrice Katharina Sunnerhagen, dell’Università di Göteborg in Svezia , ha dichiarato: “C’è una crescente quantità di prove che l’attività fisica può avere un effetto protettivo sul cervello e la nostra ricerca aggiunge ulteriori prove”. Gli ultimi risultati, pubblicati sulla rivista Neurology, erano basati su 925 persone con un’età media di 73 anni che avevano avuto un ictus.  Il tasso di casi gravi è raddoppiato tra quelli con stili di vita sedentari rispetto a quelli che si sono impegnati in attività da leggere a moderate.

L’esercizio leggero è stato definito come camminare almeno quattro ore a settimana, mentre moderato era più intenso – come il nuoto, camminare a ritmo sostenuto o correre da due a tre ore. Il professor Sunnerhagen ha dichiarato: “Sebbene l’esercizio sia benefico per la salute in molti modi, la nostra ricerca suggerisce che anche solo ottenere una piccola quantità di attività fisica ogni settimana può avere un grande impatto in seguito, possibilmente riducendo la gravità di un ictus”.

Uno studio condotto nel Regno Unito su più di 350.000 persone quest’anno ha rilevato che coloro che camminavano o pedalavano per andare in bicicletta hanno ridotto del 30% il rischio di morire di ictus o di malattie cardiache. Circa la metà dei partecipanti all’ultimo studio ha dichiarato di essere fisicamente inattivo prima del loro ictus.  Di queste 481 persone, 127 hanno avuto un ictus moderato o grave piuttosto che lieve. Ma tra i 384 che praticano attività fisica leggera, questo è sceso a 54. E dei 59 che hanno preso parte all’esercizio moderato, solo sei casi erano gravi.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post