I migliori supermercati italiani secondo Altroconsumo: la classifica

La classifica stilata da Altroconsumo dei migliori supermercati italiani si basa su criteri di rapporto qualità/prezzo, pulizia e praticità

Migliori supermercati classifica
Supermercato (Foto di ElasticComputeFarm da Pixabay)

Il momento della spesa è stato il preferito dagli italiani in periodo di lockdown quando le uscite erano limitate e si poteva uscire appunto per acquistare generi di primi necessità. Per molti è ancora un gesto felice visto che ne va del nostro sostentamento, igiene personale e pulizia della casa.

C’è chi preferisce un supermercato rispetto a un altro per varie ragioni come la facilità nel raggiungere un determinato luogo sia a piedi che con la macchina. In quest’ultimo caso vincono anche gli store dotati di parcheggio gratuito o a basso costo. Altro criterio importante è il prezzo in rapporto alla qualità dei prodotti offerti dai vari brand.

Altroconsumo ha fatto un’indagine che stabilisce in primo luogo quanto gli italiani spendono in media per la spesa. La cifra esatta è 209 euro mensili.

Inoltre l’associazione consumatori ha stilato una classifica dei migliori supermercati italiani intervistando 9.799 persone sulle loro preferenze in termini di comportamento di acquisto, preferenza di una marca rispetto a un’altra e altri criteri.

La classifica dei migliori supermercati italiani secondo Altroconsumo

Da questa indagine ne sono venute fuori quattro categorie, suddivise in: supermercati e ipermercati, catene locali, discount e store online.

conseguenze produzione di cibo sul pianeta
Reparto frutta di un supermercato (foto di stevepb da Pixabay)

Al primo posto nella classifica dei supermercati più amati dagli italiani c’è Esselunga con 81 punti seguita da Ipercoop/Coop&Coop con 80 e sul terzo gradino del podio troviamo la Coop con 78 punti. Per quanto riguarda la seconda categoria abbiamo la catena della Capitale Pewex e la veneta Cadoro a pari merito in prima posizione.

Aldi, Eurospin e Prix occupano i primi tre posti della classifica della tipologia discount. Infine come store online a pari merito ci sono Iperal e Unes, Alì sebbene gli italiani, nonostante la pandemia, preferiscano andare di persona a fare la spesa. Inoltre il 75% degli intervistati ha dichiarato di non avere mai ordinato prodotti e cibo online.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Ossido di etilene, ritirato peperoncino macinato. Allerta del Ministero della Salute

Nella classifica invece dedicata ai criteri per cui un italiano sceglie uno store rispetto a un altro troviamo al primo posto l’igiene e la pulizia (81 punti), al secondo con 78 punti la qualità dei prodotti dei brand più conosciuti.

In terza posizione c’è la possibilità di fare tutta la spesa compresi quindi prodotti per l’igiene della casa e altri nello stesso luogo. Allo stesso terzo gradino c’è la freschezza degli alimenti. E si deve scendere sotto al podio, al quarto posto, per trovare i prezzi.

Di solito i clienti preferiscono approfittare del volantino del proprio supermercato preferito con le offerte della settimana in corso. All’ulitmo posto c’è il tempo di attesa alla cassa con 69 punti.

Non esistono solo i supermercati visto che molti italiani per acquistare prodotti di pesce, carne e panetteria preferiscono i negozi specializzati o le piccole botteghe.

La classifica di Altroconsumo dei supermercati italiani:

  • Esselunga (81 punti)
  • Ipercoop/ Coop&coop (80 punti)
  • Coop (78 punti)
  • Spazio Conad (76 punti)
  • Famila superstore (75 punti)
  • Famila (74 punti)
  • Bennet (74 punti)
  • Carrefour iper (74 punti)
  • Eurospar (74 punti)
  • Crai (73 punti)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Sequestrati 30mila euro di prodotti nei supermercati del Casertano, l’indagine

Ritiro lotto Listeria coscia maiale rumeno
Scaffali supermercato (Foto di gui-yong-nian AdobeStock)

Infine tra i prodotti più acquistati troviamo i latticini in prima posizione (77%), frutta e verdura (70%), prodotti per la pulizia della casa e personale (rispettivamente con il 66 e 61 per cento) e infine la carne (55%).