Olio di pesce: gli effetti benefici sul la salute del cuore

Olio di pesce: gli effetti benefici sul la salute del cuore

di Ivana Tramontano

Un nuovo studio ha scoperto che l’olio di pesce Omega-3 presente nel salmone e nel tonno riduce il rischio di malattie cardiache e riduce il rischio di infarti dell’8%, ma non ha alcun effetto sugli ictus.

Gli integratori di olii ricchi di acidi grassi sono risultati particolarmente efficaci nella prevenzione dell’infarto. Secondo un nuovo studio della Harvard TH Chan School of Public Health e del Brigham and Women’s Hospital negli Stati Uniti dosi più elevate di olio di pesce omega-3 hanno ridotto ulteriormente il rischio.

L’autore Yang Hu, un ricercatore post-dottorato dell’Università di Harvard, ha dichiarato: “Abbiamo trovato significativi effetti protettivi della supplementazione giornaliera di omega-3 contro la maggior parte dei rischi di esito CVD”.

Nonostante il risultato positivo e gli studi che mostrano un legame tra mangiare pesce e ridurre il rischio di malattie cardiache, i risultati di studi randomizzati controllati (RCT) come quello di Harvard sono stati incoerenti: due recensioni pubblicate lo scorso anno non hanno mostrato un chiaro beneficio.

Ma in questa nuova ampia analisi, i ricercatori che hanno incluso tre studi su larga scala recentemente completati, hanno aumentato le dimensioni del campione di 120.000 persone provenienti da 13 studi in tutto il mondo.

Le persone che hanno assunto integratori giornalieri di olio di pesce omega-3, rispetto a quelli che hanno assunto un placebo, hanno ridotto il rischio per la maggior parte delle malattie cardiache ad eccezione dell’ictus, incluso un rischio ridotto dell’8% per infarto e morte per coronaropatia.

Il rischio appariva ancora più basso a dosaggi superiori agli 840 mg al giorno – ancora più alto dei normali 250 – 500 mg. Con diversi milioni di persone che soffrono di problemi cardiaci in tutto il mondo ogni anno, anche piccole cadute di rischio potrebbero salvare centinaia di migliaia di vite. “Le raccomandazioni in materia di salute pubblica dovrebbero concentrarsi sull’aumento del consumo di pesce, sull’assunzione di una dieta salutare per il cuore, sull’essere fisicamente attivi e su altre pratiche di stile di vita salutare”, ha osservato il dott. JoAnn Manson, autore senior dello studio e capo della divisione di medicina preventiva presso Harvard Medical Scuola. Tuttavia, ha aggiunto: “Questo studio suggerisce che la supplementazione di omega-3 potrebbe avere un ruolo importante nei pazienti appropriati”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post