Perché non bisogna mai bere alcol durante la gravidanza

Perché non bisogna mai bere alcol durante la gravidanza

di Ivana Tramontano

I bambini le cui madri hanno bevuto alcol durante la gravidanza, anche all’inizio del concepimento, sono a maggior rischio di nascere sottopeso.

La nuova ricerca, condotta dagli scienziati dell’Università di Oxford e dell’Università del Queensland, ha rilevato che l’alcol blocca lo sviluppo di vasi sanguigni importantissimi nella placenta nei ratti. E questi effetti diventano evidenti fin dalle primissime fasi della gravidanza. Hanno anche scoperto che gli animali di genere femminile erano molto più drammaticamente influenzati dall’esposizione all’alcol, che stimano un peso alla nascita inferiore del 17%.

Un feto in via di sviluppo è sensibile ad ogni cambiamento nel corpo della madre e le statistiche vitali come il peso alla nascita possono avere conseguenze per tutta la vita. Essere piccoli alla nascita mette un bambino a maggior rischio di disturbi respiratori, emorragie cerebrali, difetti cardiaci, malattie degli occhi, infezioni e un fegato sottosviluppato nelle prime fasi della vita.

Man mano che crescono nell’adolescenza e nell’età adulta, questi bambini hanno maggiori probabilità di sviluppare condizioni potenzialmente letali come il diabete, le malattie cardiache e l’ipertensione. Sono anche a più alto rischio di obesità e disabilità intellettive. Mentre l’American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG) fa eco a questo consiglio, rassicura anche le donne sul fatto che “un grave danno da questo tipo di uso di alcol è improbabile. L’importante è non bere alcolici per il resto della gravidanza.”

Ma il nuovo studio , pubblicato sulla rivista Development, suggerisce che potrebbero esserci dei rischi anche per i primi sorsi di vino, birra o alcolici. Gli scienziati dell’Università del Queensland e dell’Università di Oxford hanno studiato ratti femmina a partire da quattro giorni prima che le loro uova venissero fecondate. Hanno continuato a monitorare gli animali e lo sviluppo dei loro embrioni fino a dopo la nascita dei bambini.

Gli scienziati hanno visto che anche l’esposizione all’alcol nei primissimi giorni di gravidanza riduce la crescita dei vasi sanguigni nella placenta. Per motivi non chiari, gli effetti di questa mancanza erano avvertiti molto più dai feti di genere femminile, le cui placente mostravano una riduzione del 32% nella crescita dei vasi sanguigni e il cui peso alla nascita era in media del 17% più basso. La prossima parte di questo progetto è vedere se l’integrazione di nutrienti può ridurre o addirittura prevenire gli effetti avversi dell’esposizione all’alcol.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post