Pesce in gravidanza: bambini meno a rischio di ADHD

Pesce in gravidanza: bambini meno a rischio di ADHD

di Ivana Tramontano

Pesce all'acqua pazza

Le future mamme che mangiano molto pesce hanno meno probabilità di avere figli che soffrono di deficit di attenzione.

I ricercatori dell’Istituto per la salute globale di Barcellona hanno esaminato le diete di centinaia di madri e dei loro bambini. I risultati hanno mostrato che le madri che hanno consumato quattro porzioni di pesce ogni settimana hanno ottenuto un punteggio migliore del 16% nei test ADHD dei loro bambini.

I giovani le cui madri hanno mangiato una porzione di pesce ogni giorno hanno ottenuto un punteggio migliore del 24%, rispetto a quelli la cui madre aveva consumato appena una porzione ogni settimana. Anche il loro rischio di ADHD, che può causare un comportamento iperattivo e non è sempre responsabile di scarse capacità di attenzione, è stato ridotto del 16%.

I pesci grassi, come il salmone e lo sgombro, sono i più benefici perché sono ricchi di acidi grassi omega-3 che aiutano le strutture cerebrali nell’utero, hanno detto i ricercatori. Il dott. Jordi Júlvez, autore principale dello studio, ha affermato che il consumo di frutti di mare durante il primo trimestre di gravidanza ha avuto un effetto maggiore sulla capacità di attenzione.

Poco effetto è stato notato tra i bambini che hanno consumato frutti di mare regolarmente a cinque anni o per le madri che hanno consumato molti pesci grassi più tardi durante la gravidanza. Questo, afferma, è perché lo sviluppo del cervello durante le prime fasi della gravidanza è più cruciale.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post