Basta salmone, per la dieta mangia questo pesce povero: è ricco di Omega 3

Questo pesce povero è perfetta per una dieta sana ed equilibrata perché ricco di Omega 3. Da oggi basta salmone! Scopriamo di cosa si tratta.

pesce povero ricco Omega 3
Pesce povero ricco di Omega 3 (Foto di Engin Akyurt da Pixabay

I PIU’ LETTI DI OGGI

Da sempre il consumo di pesce è indicato in un programma alimentare ristretto, sano ed equilibrato. Fortunatamente il mare ne offre una varietà enorme.

Si spazia dai molluschi, ai crostati, ai pesci con una carne più compatta fino a quelli molto più teneri. Insomma, ci si può davvero sbizzarrire in cucina!

Nonostante il pesce possa apportare una quantità consistente di grassi non deve essere escluso dalla dieta perché ricco di acidi grassi polinsaturi come gli Omega 3.

Gli Omega 3 sono molto importanti per la nostra salute poiché hanno proprietà antinfiammatorie, antiossidanti e metaboliche. Non a caso sono molto indicati nei soggetti con patologie come diabete, displidemie e l’ipercolesterolemia.

Inoltre, sono consigliati anche per gestire patologie cardiovascolari, neurologiche, autoimmuni. Uno dei pesci più apprezzati, ricco di Omega 3 è il salmone.

In teoria, c’è un altro tipo di pesce povero ricco di Omega 3 e perfetto da mangiare quando si è a dieta. Vediamo insieme di cosa si tratta e come renderlo appetitoso.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Alimenti ricchi di omega 3: il pesco povero ma ricco di benefici

Gli alimenti ricchi di Omega 3 sono davvero tanti. Il più diffuso e amato da tutti è il salmone anche se in realtà c’è un altro tipo di pesce povero ma ricco di Omega 3.

pesce povero ricco omega 3
Palamita (Foto di Engin Akyurt da Pixabay)

Il pesce di cui stiamo per parlare, è molto diffuso nel Mar Mediterraneo. Molto simile al tonno nel gusto e nell’aspetto, prende il nome di “tonno dei poveri”.

Si tratta della palamita. Un pesce azzurro lungo, con testa appuntita, dal colore azzurro metallico sul dorso per poi diventare argento sui fianchi e bianco sul ventre.

Guardando al profilo nutrizionale della palamita, si può ben capire che di povero c’è solo il suo costo! Ricca di acidi grassi Omega 3, vitamine e sali minerali come fosforo, iodio, ferro e potassio.

Una buone fonte di proteine ad alto valore biologico a fronte di un basso quantitativo di grassi. Dovrebbe apportare circa 170 kcal per 100 grammi.

Molto utili per tenere sotto controllo il colesterolo, per seguire una dieta ipocalorica, per stimolare e proteggere la salute della tiroide, per sostenere il sistema nervoso e per salvaguardare la salute di ossa e denti.

La palamita è consigliata anche in caso di anemia grazie alla buona presenza del ferro. Acquistata intera, a filetti o a tranci, la palamita può essere alla base di moltissime preparazioni culinarie.

Può essere un ottimo ripieno per pasta fresca, può essere servita come tartare, fatta sulla griglia oppure al cartoccio. Ha una carne talmente morbida che può essere utilizzata per arricchire anche le insalate.

Vediamo insieme gli ingredienti e il procedimento per cucinare la palamita e farla amare anche dai bambini. Provatela e non la lascerete mai più!

Palamita alla mediterranea: ricetta e procedimento

Preparare la palamita alla mediterranea è semplicissimo. Vi basteranno pochi e semplici ingredienti per un secondo piatto di pesce saporito e nutriente.

INGREDIENTI

  • 2 filetti palomita
  • 100 g olive nere denocciolate
  • 200 g pomodori pachino
  • 1 spicchio aglio
  • Spezie a gusto qb.
  • 20 g capperi
  • 1/2 cipolla
  • Olio extra vergine d’oliva qb.
  • Sale, pepe qb.

PREPARAZIONE (circa 30 minuti)

Iniziate la ricetta sciacquando sotto acqua fresca corrente i due filetti di palamita. Disponeteli in una pirofila da forno con la parte della pelle verso l’alto.

Salate e irrorate con olio extra vergine d’oliva dopodiché girate i filetti dall’altro lato. Salate di nuovo e ricoprite i filetti con i pomodori pachino tagliati a metà, la cipolla finemente tagliata e le olive a rondelle.

Aggiungete anche i capperi, le spezie a vostro piacimento e irrorate di nuovo con olio extra vergine d’oliva. A questo punto, infornate in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti.

pesce povero ricco Omega 3 palamita
Palamita alla mediterranea (Foto Pinterest @quellidellaratatouille.it)

A cottura ultimata, sfornate la pirofila e riponete i filetti di palamita alla mediterranea su un piatto da portata. Non vi resta che servire e gustare questa delizia.

Buon appetito a tutti!