Pizza del giorno dopo, perché è così buona? La risposta arriva dalla scienza

Perché la pizza riscaldata il giorno dopo è così buona? A dare una risposta ci pensa la scienza. È tutta questione di scienza appunto e fisiologia.

pizza fredda perché è buona
Tranci di pizza (foto da pexels di polina-tankilevitch)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

La pizza, il piatto italiano più conosciuto al mondo nonché quello più amato. Quando si tratta di mangiare una pizza, che sia margherita, capricciosa o siciliana poco importa, è sempre il momento giusto. Resistere a quelle fettine triangolari, del resto è davvero difficile.

Generalmente quando si ordina la pizza a casa questa finisce, ma può capitare però che qualche trancio avanzi e a quel punto il mondo si divide in due categorie: chi non ama la pizza riscaldata l’indomani e chi, invece, sostiene che la pizza del giorno dopo sia ancora più buona.

Vi siete mai chiesti però per quale motivo avete questa impressione? A dare una risposta ci pensa la scienza.

La scienza dice…ecco perché la pizza del giorno dopo è così buona

Il motivo che può spiegare bene solo la scienza è, in realtà, più semplice di quanto si possa pensare e a che fare con temperatura e recettori del gusto.

pizza riscaldata più buona
Pizza calda (foto di pablo-pacheco di unsplash)

Iniziamo col dire che quando la pizza è fredda mantiene la sua struttura, mentre la presenza del pomodoro aiuta ad evitare che il grasso della formaggio penetri nell’impasto. Quindi, la temperatura influisce sul senso del gusto e di solito i cibi freddi hanno un sapore meno intenso di quelli caldi.

Quando le temperature sono comprese tra 15 e 35°, i recettori del gusto dolce e amaro, ovvero le papille gustative, della lingua si aprono, innescando quella reazione che invia segnali al cervello. A temperature più basse, i canali si aprono a malapena e i segnali che riceve la nostra materia grigia sono più deboli.

I recettori del gusto salato sono, al contrario, poco influenzati dalla temperatura e la pizza fredda può effettivamente avere un sapore più salato e molto, molto gustoso.

pizza fredda più buona
Pizze margherita (foto da pexels di vincent-rivaud)

Con il trascorrere delle ore, i singoli ingredienti della pizza riposano, rilasciando maggiormente i loro succhi, che si amalgamano alla perfezione tra loro e vengono assorbiti l’uno dall’altro. In questo modo la percezione gustativa il giorno seguente cambia, lasciando quell’intensità di sapore superiore.