Quando mangiare la frutta? Dopo o lontano dai pasti?

La frutta è una categoria alimentare importantissima per il fabbisogno giornaliero di moltissime sostanze nutritive ma sapete quando mangiare questo alimento? Dopo o lontano dai pasti? Ecco la risposta dei massimi esperti di settore.

quando mangiare frutta pasti
Quando mangiare la frutta? Dopo o lontano dai pasti? (Canva)

LE RICETTE PIU’ BUONE DI OGGI:

  1. Torta alle mele, la versione super light senza grassi e poche calorie. Da provare!
  2. Insalata di mare, la ricetta che porta a tavola il profumo autentico dell’estate
  3. Calamari ripieni al profumo di limone, un secondo piatto da leccarsi i baffi! Pronto in pochi minuti

Fibre, antiossidanti, vitamine, flavonoidi, sali minerali: questi sono solo alcuni motivi per cui mangiare la frutta nell’arco giornaliero risulta indispensabile.

Ogni frutto ha le sue caratteristiche ed i suoi benefici che fornisce al nostro corpo dunque variarli durante la settimana è un atto fondamentale per curare la salute di tutto il corpo.

Ma quando mangiare la frutta? C’è un orario particolare? Prima, dopo o lontano dai pasti? Andiamo a rispondere a questi quesiti analizzando i pareri dei massimi esperti di settore.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Quando mangiare la frutta? Dopo o lontano dai pasti?

Innanzitutto dobbiamo specificare che non vi è una regola specifica: il momento in cui bisognerebbe mangiare questi alimenti varia da individuo a individuo.

Sarebbe meglio però consumarla a stomaco vuoto in modo che il nostro metabolismo assimili tutti i liquidi e tutte le sostanze nutrienti benevole per il corpo.

frutta quando mangiarla pasti
Ciotola di frutta (Canva)

Molti nutrizionisti infatti consigliano di inserire la frutta durante la colazione. Può essere poi abbinata con cereali, miele o latte.

Al contrario viene sconsigliata la sera dopo cena in quanto le sostanze nutritive vengono assimilate con più lentezza dall’organismo rischiando di andare a dormire con un peso sullo stomaco.

Ci sono però alcune eccezioni: chi soffre di gonfiore addominale dovrebbe consumarla dopo i pasti per evitare un accumulo di gas all’interno dell’intestino.

Allo stesso modo chi soffre di picchi glicemici dovrebbe mangiare frutta sempre dopo i pasti in modo che gli zuccheri vengano rilasciati con molta più lentezza nel sangue.

zuccheri sangue frutta
Zuccheri, sangue e picchi glicemici (Canva)

Quanta frutta consumare al giorno? Gli esperti di settore consigliano di assumere almeno 3 porzioni al giorno dal peso di 150 grammi l’una diversificandola ogni volta.

Infine ricordiamo di non togliere mai la buccia: in essa infatti per la maggior parte dei casi sono contenuti i maggiori nutrienti indispensabili per il benessere del fisico.