Ricerca shock: latte perde nutrienti sotto le luci artificiali

Ricerca shock: latte perde nutrienti sotto le luci artificiali

di Ivana Tramontano

Il latte vaccino potrebbe essere carente di nutrienti dopo che è stato esposto all’illuminazione artificiale? Questa è la paura che si sta diffondendo in una campagna di un’azienda americana di imballaggi.

Gli annunci di giornali d’Oltreoceano stanno chiedendo alla gente: “Sapevi che studi recenti dimostrano che le luci per interni possono degradare la freschezza, il gusto e le sostanze nutritive che amiamo nel latte?”

Sembra inquietante. Dopo tutto, le famiglie si affidano alle sostanze del latte per fornire tali nutrienti come proteine ​​e vitamine A (per difese immunitarie e vista), D (per ossa e denti) e B2 (per pelle e nervi sani). Ma cosa succede se metà di quella bontà non è lì, perché l’energia della luce ha distrutto i delicati nutrienti del latte?

La società dietro le inserzioni, Noluma, ha lanciato la sua campagna pubblicitaria il mese scorso. L’iniziativa di marketing prevedeva un barista in loco che serviva “latte protetto dalla luce” in un imballaggio speciale, circondato da cartelli che proclamavano: “Dopo 16 ore di esposizione alla luce all’interno, il latte ha perso il 49% delle sue vitamine”.

La figura di 16 ore sembra essere basata su uno studio del 2002 della Cornell University negli Stati Uniti, pubblicato sul Journal of Dairy Science, ma la ricerca si applicava solo al latte scremato. Il latte intero è più robusto, non ultimo perché è più opaco. I ricercatori della Cornell hanno scoperto che il latte intero richiede più di 50 ore di seduta sotto piena luce per mostrare la stessa quantità di deterioramento.

Noluma afferma che è particolarmente preoccupata per i possibili effetti delle luci a LED a risparmio energetico, che vengono utilizzate in alcuni supermercati per sostituire le lampade fluorescenti. Sostiene che le lunghezze d’onda della luce emesse dai LED sono più dannose per il latte.

Ma perché tale preoccupazione per il nostro benessere? Sembra quasi una coincidenza che Noluma (uno spin-off del colosso chimico statunitense DuPont) abbia inventato una forma leggera di imballaggio per il latte.

La società cita la ricerca affermando che sotto l’illuminazione a LED, dopo solo 20 minuti, il livello di vitamina B2 scende del 28%. La fonte principale delle sue affermazioni scientifiche è un rapporto dell’Università di Newcastle intitolato “Latte: esposizione alla luce e esaurimento di nutrienti chiave”, che è stato commissionato da Noluma al costo di £ 28.000. Il rapporto è una revisione di studi precedenti e non è stato pubblicato in alcuna rivista scientifica. In effetti, il rapporto non rispettava gli standard dell’Università di Newcastle per la pubblicazione di ricerche e nel maggio di quest’anno l’università ha chiesto a Noluma di rimuovere il suo marchio dai materiali della campagna pubblicitaria.

“Il comunicato stampa è stato scritto e promosso dal finanziatore”, ha detto un portavoce dell’università a Good Health. “Sebbene i risultati siano interessanti, la relazione non è stata sottoposta a una valutazione scientifica tra pari. In quanto tale, lo studio non ha superato lo standard richiesto dall’università di Newcastle. ”

Inoltre, mentre Noluma afferma che i LED moderni sono molto peggio delle lampade fluorescenti al degradante latte fresco, altre ricerche hanno dimostrato il contrario. Nel 2016, la Utah State University negli Stati Uniti ha confrontato il deterioramento dei latti esposti a LED e luci fluorescenti.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post