Rimedi semplici e naturali contro il mal di testa

Rimedi semplici e naturali contro il mal di testa

Il mal di testa è un disturbo abbastanza frequente che può essere causato da stress, da problemi di pressione arteriosa, da difficoltà respiratorie, dall’affaticamento degli occhi o da disturbi gastrointestinali o altro. Quando l’emicrania non è così forte da spingere ad assumere antidolorifici, che a loro volta hanno delle controindicazioni, si può tentare con dei rimedi naturali che si rivelano molte volte efficaci.

Patata cruda – E’ uno di quei rimedi della nonna che chissà perché è sempre in auge. Basta tagliare alcune fettine di patata cruda e posizionarle sulla fronte o sulle tempie, avendo ben cura di rimanere sdraiati in una stanza tranquilla e con luci soffuse. Trascorrete almeno 30 minuti in relax: la patata assorbirà lentamente il calore che avrete accumulato e sentirete gradualmente sparire il dolore.

Tisane rilassanti – Se la causa del vostro mal di testa è lo stress allora una buona tisana rilassante da assumere nel corso della giornata. Consigliate quelle a base di biancospino, passiflora, tiglio, melissa o valeriana, ma anche la classica camomilla può sortire i suoi effetti.

La lavanda possiede notevoli proprietà antiemicraniche. Si può usare sia l’olio essenziale che i fiori per farne una tisana. Mettere due gocce di olio essenziale di su un batuffolo di cotone e tamponate delicatamente le tempie. Ottimo anche l’infuso di lavanda: basta mettere un cucchiaino in un infusore, versare una tazza di acqua bollente e lasciare in infusione per circa cinque minuti.

Ghiaccio – Il ghiaccio ha funzione decongestionante: avvolgete un cubetto in un fazzoletto di cotone e passatelo sulla zona dolente per circa dieci minuti. Il ghiaccio restringe i vasi sanguigni e può ridurre il dolore e l’infiammazione.

Alimentazione – Prediligete alimenti ricchi di magnesio: verdure a foglia verde, cioccolato fondente, lenticchie, pane integrale, frutta secca, piselli, fagioli, datteri, fichi e germogli di soia.

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post